È ancora grave Valerio Massimo Manfredi, dopo che i soccorritori del 118 lo hanno trovato privo di sensi nell'appartamento di via dei Vascellari in zona Trastevere a Roma. Sono ore di apprensione per i famigliari dello scrittore e archeologo settantottenne modenese e per la figlia. È stata proprio lei a dare l'allarme nel pomeriggio di ieri, giovedì 11 febbraio, quando ha trovato il padre insieme alla scrittrice Antonella Prenner privi di coscienza. Da quanto si apprende, le condizioni di entrambi sono serie. Trasportati in serata con codice rosso al Policlinico San Camillo, Manfredi è stato traferito a Grosseto, dove si trova in una camera iperbarica a seguito dell'intossicazione da monossido di carbonio, mentre la donna è al Policlinico Umberto I. Secondo quanto ricostruito dai soccorritori a provocare la fuoriuscita del gas sarebbe stato un incidente domestico che avrebbe causato una caldaia mal funzionante, ipotesi che si sta consolidando con il trascorrere delle ore.

Fuga di gas nell'appartamento dello scrittore Massimo Manfredi

L'allarme è scattato quando la figlia di Manfredi non riusciva a mettersi in contatto con il padre. Preoccupata, lo ha raggiunto, chiamando il Numero Unico delle Emergenze 112. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno aperto la porta, facendosi largo nell'abitazione e assistendo alla terribile scena. I sanitari giunti in ambulanza hanno soccorso sia lui che la donna. I pompieri hanno aperto tutte le finestre ed evacuato temporaneamente in via precauzionale i residenti. Gli accertamenti di vigili del fuoco e forze dell'ordine sull'esatta dinamica dell'accaduto sono ancora in corso. Presente anche la Polizia di Stato. Valerio Massimo Manfredi è uno degli scrittori italiani più famosi al mondo, esperto di Storia, conduttore televisivo e divulgatore scientifico. È autore di romanzi apprezzati dalla critica e un professionista molto stimato dai suoi lettori. Il mondo della Cultura ed i suoi fan in queste ore stanno facendo il tifo per lui e per una sua pronta guarigione.