14 Gennaio 2022
22:43

Acceca da un occhio l’ex compagno: condannata a tre anni e sei mesi di carcere

Una donna e suo padre sono stati condannati per aver tentato di accecare l’ex compagno di lei con un dito in un occhio.
A cura di Alessia Rabbai
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Tre anni e sei mesi di carcere è la condanna che ha ricevuto una cinquantaseienne, per aver tentato di accecare il marito. Questa la sentenza del giudice nel processo che si è conluso ieri a Latina. Vittima un uomo, sostenuto e costituitosi parte civile con l'avvocato Liliana Tari, che a seguito dell'aggressione della ex ha perso parzialmente la vista e non ci vede più da un occhio. Nei confronti della donna, accusata dei reati di maltrattamenti e lesioni gravissime, il giudice aveva emesso un divieto di avvicinamento all'ex compagno e ai luoghi da esso abitualmente frequentati.

L'uomo ha riportato lo scoppio del bulbo oculare

Le violenze risalgono alla notte tra il 20 e il 21 gennaio e sono avvenute nel territorio pontino. A far scattare le indagini delle forze dell'ordine coordinate dalla Procura della Repubblica di Latina, con il pubblico ministero Martina Taglione e il procuratore aggiunto Carlo La Speranza, è stata la denuncia dell'uomo, vittima della ex compagna e del padre di lei, difesi in sede processuale dagli avvocati Luigi Fioretti e Francesco Abballe. Secondo quanto ricostruito in sede d'indagine, tra la coppia, la cui relazione era giunta ormai al capolinea, esistevano dei diverbi sul figlio.

L'uomo ne aveva infatti chiesto l'affido, richiesta che la donna non solo ha rifiutato di concedergli, ma è anche arrivata a fargli del male. D'accordo con il padre lo ha aggredito e gli ha infilato un dito nell'occhio, provocandogli lo scoppio del bulbo oculare. A seguito della violenza infatti la perizia ne ha evidenziato i danni permanenti, un trauma con la perdita parziale della vista.

Condannato a sei anni di carcere, si dà alla latitanza per accudire la compagna malata: arrestato
Condannato a sei anni di carcere, si dà alla latitanza per accudire la compagna malata: arrestato
Uccise Carmine Monaco a colpi di pistola: Cassazione lo condanna a 14 anni di carcere
Uccise Carmine Monaco a colpi di pistola: Cassazione lo condanna a 14 anni di carcere
Violenta la nipotina di 14 anni, si rende irreperibile per sfuggire al carcere: arrestato
Violenta la nipotina di 14 anni, si rende irreperibile per sfuggire al carcere: arrestato
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni