100 CONDIVISIONI
Covid 19
6 Dicembre 2021
17:40

A Roma il 15 dicembre ‘Vax Day’ per i bimbi di età compresa tra 5 e 11 anni

A quasi un anno dal primo Vax Day, la Regione Lazio replica con lo stesso evento: stavolta a ricevere la prima dose di vaccino anti-covid saranno i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni.
A cura di Natascia Grbic
100 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il 15 dicembre, all'Istituto nazionale di malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, è stato organizzato il Vax Day dedicato ai bambini tra i cinque e gli undici anni di età. A dare la notizia, l'Adnkronos Salute. A quasi un anno di distanza dal primo Vax Day che ha aperto la campagna vaccinale anti-covid in Italia, si replica nel Lazio, questa volta con le fasce di età più giovani. "Sui canali social di SaluteLazio le FAQ e il Video realizzati in collaborazione con l’ospedale Pediatrico Bambino Gesù – ha dichiarato l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato – Presto verrà disegnato anche un fumetto rivolto ai genitori e i più piccoli". Questa volta il Vax Day sarà fatto in collaborazione tra lo Spallanzani e il Bambino Gesù. Nel Lazio sarà possibile prenotare il vaccino per la fascia d'età 5-11 anni a partire dal 13 dicembre.

Nel Lazio incidenza maggiore fascia 6/10 anni rispetto a vaccinati

Nel bollettino diffuso oggi dalla Regione Lazio riguardo l'andamento della pandemia sul territorio, l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato ha dichiarato che "nella fascia 6/10 anni l’incidenza dell’infezione è sei volte superiore alle fasce di età già vaccinate. Mentre i decessi nei primi cinque giorni di dicembre di quest’anno sono nove volte inferiori ai primi cinque giorni dello stesso periodo dell’anno precedente". A rendere evidente il tasso d'incidenza maggiore nella fascia d'età 6/11 anni, il grafico elaborato dal Dipartimento di Epidemiologia regionale. I numeri parlano chiaro: il tasso di incidenza dei casi ogni 10mila abitanti in sette giorni è pari a 34 per i bimbi tra 6 e 11 anni. L'incremento, che si è verificato nelle ultime settimane, è indice del fatto che il virus corre nelle fasce di popolazione che ancora non hanno ricevuto la propria dose di vaccino anti-covid.

100 CONDIVISIONI
31337 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni