"Quando saremo grandi faremo riaprire Auschwitz e vi ficcheremo tutti nei forni, ebrei di…", è questa la terribile frase uscita dalla bocca di un giovanilismo alunno di una scuola media ferrarese per insultare, denigrare e aggredire fisicamente un compagno di scuola di religione ebraica vittima di bullismo in classe. L'inquietante episodio, riportato dall'edizione locale de il Resto del Carlino, è stato denunciato pubblicamente dalla madre di un altro alunno, interpellata dal genitore della vittima in qualità di rappresentante di classe. "È inaccettabile che accadano simili episodi. Non si può far passare sotto silenzio questo chiaro segnale di antisemitismo strisciante" ha dichiarato la donna che si è rivolta anche alla comunità ebraica.

L'episodio ovviamente è stato denunciato anche alle insegnanti e alle autorità scolastiche che si sono già interessate della questione ma tutti vogliono mantenere il massimo riserbo vista anche l'età dei ragazzi coinvolti, tutti minori che frequentano un istituto secondario di primo grado. Secondo la denuncia, il ragazzino sarebbe stato vittima di un gruppo di bulletti e aggredito sia verbalmente che fisicamente nella palestra dell'istituto scolastico. Solo uno dei ragazzi però si sarebbe rivolto a lui in riferimento alla religione e al terribile sterminio degli ebrei ad opera dei nazisti.

"So che la questione è già stata affrontata all’interno della classe tra docenti e studenti. Peraltro, il ragazzino responsabile dell’aggressione, una volta scoperto, si è scusato e ha promesso che non farà mai più cose simili" ha assicurato intanto la dirigente scolastica, aggiungendo: "Comunque ho in programma di convocare un consiglio di classe straordinario per capire meglio, anche con i professori, quello che è accaduto". "La scuola da sempre è attiva nell’organizzare iniziative legate al Giorno della Memoria e, in tanti anni che presiedo questo istituto, è il primo caso di questa portata che mi trovo ad affrontare" ha proseguito la preside, concludendo: "Il caso va preso con la giusta serietà, senza essere sminuito, ma che deve essere trattato con il massimo della cautela e della discrezione".