Jaila Gladden è una donna coraggiosa. Vittima di stupro, la studentessa di 21 anni, originaria di Atlanta, in Georgia, nei giorni scorsi ha deciso di rinunciare all’anonimato rivelando di come è riuscita a sfuggire al suo aguzzino, condividendo la sua posizione GPS sul proprio iPhone. Il 4 settembre, la giovane è stata rapita da Timothy Wilson, 28 anni, che, dopo averla inseguita in un parcheggio di un supermercato a tarda notte, coltello alla mano, l’ha costretta ad entrare nella stessa auto della giovane. Quindi ha guidato fino a dietro ad una chiesa abbandonata dove l'ha violentata. Jaila, che ha raccontato la sua drammatica esperienza in un'intervista con BuzzFeed, ha ammesso di “aver pregato perché smettesse”, ma di non aver "nessuna intenzione di piangere". Wilson è stato accusato di sequestro di persona, dirottamento di un veicolo a motore, assalto aggravato, stupro, sodomia aggravata e aggressione aggravata contro un agente di polizia.

Ma lo straziante incidente avrebbe potuto avere un finale ancora più sinistro se non fosse stato per l'incredibile coraggio e la rapidità di pensiero di Jaila. La 21enne, dopo aver ridotto al minimo la luminosità dello schermo del suo cellulare, è riuscito a mandare un messaggio al suo fidanzato Tamir nel quale condivideva la sua posizione. "Era la cosa più logica da fare", ha detto. Il ragazzo ha detto che stava già dormendo quando gli è arrivato il messaggio: “Che stai facendo?” le ha chiesto. La risposta di Jaila è stata lapidaria: “Rapimento”. Fortunatamente, il ragazzo ha capito subito che non si trattava di uno scherzo e si era diretto immediatamente ad una stazione di polizia.

Nel frattempo, Wilson si è accorto che la ragazza stava usando il telefono e l’ha costretta a entrare nel bagagliaio della sua auto mentre cercava di rapinare una stazione di servizio. Ma Jaila è riuscita a mandare un altro messaggio al suo fidanzato nel quale spiegava che l’auto all’interno della quale si trovava col suo rapitore era la sua. Gli agenti sono così riusciti ad individuare l'auto di Jaila. Vistosi braccato, Wilson è andato nel panico e ha finito per schiantarsi contro alcune auto, prima di fuggire. Dopo una caccia all’uomo durata 10 ore, è stato arrestato. Jaila e i suoi cari non hanno dubbi che la sua prontezza e la sua audacia le hanno ha salvato la vita durante quell'orrenda notte .