Sulla maglietta sono ritratti un uomo e una donna. Nel primo riquadro i due discutono animatamente e lei sembra urlare. Nel secondo riquadro, invece, lei non c’è più, probabilmente buttata giù dall’uomo che sembra averla spinta. La maglietta, in vendita al Carrefour, è al centro delle polemiche politiche, scatenate dalla senatrice del Pd, Monica Cirinnà, che ha condiviso una foto della t-shirt su Twitter. Nella maglietta blu si legge nel primo riquadro la scritta ‘problem’, nel secondo la scritta ‘solved’, quando la figura femminile viene spinta giù dall’uomo. A far partire la polemica, come detto, è Monica Cirinnà: “Ho appena visto questa maglietta in vendita al Carrefour. Se una donna parla troppo, meglio liberarsene? L’azienda sposa questo messaggio? Gravissimo, specie in un paese in cui la violenza contro le donne è notizia di ogni giorno. Chiariscano, o dovrò buttare la mia tessera”.

Alle proteste della senatrice Pd seguono quelle di Valeria Fedeli, ex ministro dell’Istruzione e senatrice dem: “È gravissimo che un'azienda produca magliette che incitano al femminicidio. Ancora più grave che una nota catena di supermercati si metta a disposizione per distribuirle. In un Paese dove ogni 72 ore una donna viene uccisa, la mercificazione di una tragedia di queste dimensioni è un fatto intollerabile. L’azienda Skytshirt fermi subito la produzione e Carrefour Italia ritiri immediatamente il prodotto dai propri negozi”.

Si unisce alle critiche anche Valeria Valente, presidente della commissione Femminicidio: “Vi pare normale che in un Paese dove viene uccisa 1 donna ogni 2 giorni si possa mettere in vendita una t-shirt del genere? La violenza contro le donne vive una vera e propria escalation: basta con questi attacchi sessisti, tanto più subdoli perché mascherati da una macabra ironia”, scrive su Twitter postando la foto della maglietta. Sempre dal Pd, commenta anche Alessia Morani: “Al Carrefour vendono questa maglietta. Io credo sia una vergogna in un paese in cui il femminicidio è un dramma. Mi auguro che immediatamente venga ritirata dalla vendita”.