1.393 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: adesso
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 9 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
3 Settembre 2022
16:12

“Te la ricaccio in gola”: Paragone contro la domanda di Fanpage sui rapporti tra Italexit e Casapound

Il leader di Italexit Gianluigi Paragone ha risposto a una domanda del cronista di Fanpage.it sui rapporti tra il suo partito e Casapound: “Te la ricaccio in gola questa frase stupida”.
A cura di Tommaso Coluzzi
1.393 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

"Quella frase te la ricaccio in gola". Risponde così il leader di Italexit, Gianluigi Paragone, a una domanda del cronista di Fanpage.it che pochi giorni fa era presente – insieme a molti altri colleghi – alla presentazione del partito in vista delle prossime elezioni del 25 settembre. La domanda rivolta a Paragone riguardava i rapporti tra la sua forza politica e Casapound, visto che sia alla presentazione sia nelle liste dei candidati c'è un'ampia rappresentanza della forza di estrema destra: "È una frase che te la ricaccio in gola perché è di una stupidità assoluta – ha risposto Paragone – Io non sono il tassista di nessuno, quindi quella frase te la ricacci proprio in gola".

Alla presentazione della lista di Paragone per le prossime elezioni politiche erano presenti moltissimi militanti della destra neofascista romana. Tra loro c'era anche Carlotta Chiaraluce, dirigente di Casapound e candidata con Italexit nel Lazio: "Casapound rimane la mia casa", ha detto alle telecamere di Fanpage.it a margine della presentazione, smentendo lo stesso Paragone che ha negato rabbiosamente la circostanza.

Nelle scorse settimane sono arrivate diverse segnalazioni dal territorio, di spazio fatto a candidati che arrivano dalla galassia dell'estrema destra. "Se qualcuno ci aiuta con i banchetti o le firme, mi sembra un grandissimo esercizio di democrazia, ma non c'è nessun rapporto organico tra noi e movimenti come Casapound", ha garantito Paragone. Nelle scorse settimane, tra l'altro si è consumata anche la rottura con Alternativa, il gruppo parlamentare di ex Movimento 5 Stelle che aveva sottoscritto un accordo elettorale con Italexit salvo poi ripensarci per via dei candidati di estrema destra presenti in lista.

1.393 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni