62 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Elezioni europee 2024

Sondaggi politici, balzo in avanti di Forza Italia grazie all’accordo con Noi Moderati: sale all’8%

Nell’ultimo sondaggio diffuso da Termometro politico si nota un balzo in avanti di Forza Italia, grazie all’accordo con Noi Moderati di Lupi per le prossime elezioni europee.
A cura di Annalisa Cangemi
62 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

L'ultimo sondaggio di Termometro politico, con interviste raccolte tra il 9 e l’11 aprile 2024, in vista delle elezioni europee di giugno, segnala un balzo in avanti per Forza Italia, grazie all'accordo tra gli azzurri e Noi Moderati, che Moderati sarà presente con propri candidati nelle liste del partito guidato da Tajani, che passa così dal 7,1% all’8,0% netto.

Nel centrodestra risalgono anche Lega e Fdi, entrambe dello 0,2%: sono rispettivamente all'8,8% e al 27,8%. A scendere invece è il M5s di Conte, che perde tre decimi, e va al 15,6%; mentre il Pd di Schlein rimane stabile al 19,5%, nonostante gli scandali pugliesi e le inchieste giudiziarie in Piemonte. La joint venture tra Renzi e Bonino sembra già portare i primi risultati: alla prima rilevazione, gli “Stati Uniti d’Europa” partono dal 5,1%. Azione, invece, è al 3,9%. Continua a salire il movimento di Michele Santoro (Pace Terra Dignità) che ha raggiunto già il 2,4%. Anche la proposta aggregativa di Cateno De Luca, Libertà, sale e va all’1,4%.

Per quanto riguarda la fiducia in Giorgia Meloni, la premier riprende un po' di consenso (+0,6%) e si riavvicina alla soglia psicologica del 40% di gradimento. Tra chi ha molta e abbastanza fiducia si arriva al 39,5%. Sfiduciata, invece, dal 60,1% degli italiani.

Immagine

Quanto pesa sul voto la presenza di indagati in lista?

Quanto è importante la trasparenza nella composizione delle liste e quanto è importante che non ci siano indagati? La risposta più gettonata (35,1%) ritiene fondamentale che non ci siano persone indagate. Un 25% lo ritiene importante ma, allo stesso tempo, votare per quella determinata lista o meno dipenderebbe dall'effettiva importanza del soggetto indagato e dal tipo di accusa. Nel complesso, quindi, 6 italiani su 10 considerano rilevante la "pulizia" di una lista o di un partito.

Dall'altro lato, c’è un buon 27,5% garantista: "A contare è solo l’effettiva condanna" in quanto molti indagati risultano poi assolti dopo i vari gradi di giudizio. Infine, solo l’11,1% considera importante solo il programma del partito e posizioni espresse, e non le vicende dei singoli.

Immagine
62 CONDIVISIONI
252 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views