4.381 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: adesso
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 7 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
8 Settembre 2022
11:34

Silvio Berlusconi dice che le tasse sono un male da ridurre il più possibile

“Le tasse non sono belle come dice la sinistra, ma un male necessario per far funzionare lo Stato. Un male da ridurre il più possibile”: lo dice Silvio Berlusconi nella sua ultima piccola social sul programma elettorale di Forza Italia.
A cura di Annalisa Girardi
4.381 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Le tasse sono un male da ridurre il più possibile. Sono le parole di Silvio Berlusconi, nella sua ultima pillola social in cui illustra un altro punto programmatico del suo partito in vista delle elezioni del 25 settembre. "Siamo ancora qui per parlare di tasse. Se lo Stato ti chiede un quarto di ciò che con tanti sacrifici hai guadagnato, senti che questo è giusto.Se ti chiede il 50%, senti che è un furto. Se ti chiede addirittura il 60%, senti che è una rapina", afferma il leader azzurro. Per poi aggiungere: "Questo succede a tanti lavoratori autonomi, ai professionisti, alle piccole imprese. Se sei d’accordo, se anche tu pensi che le tasse non siano belle come dice la sinistra, ma siano un male necessario per far funzionare lo Stato, ma un male da ridurre il più possibile, allora il 25 settembre devi andare a votare e devi votare assolutamente per noi, per Forza Italia".

Forza Italia non ha presentato un programma di partito, ma fa riferimento a quello della coalizione di centrodestra, scritto insieme a Fratelli d'Italia, Lega e la lista Noi Moderati. Nel programma di centrodestra un capitolo è dedicato alla questione fiscale: si parla di riduzione della pressione fiscale per famiglie, imprese e lavoratori autonomi e di pace fiscale. Si rifiutano "patrimoniali dichiarate o mascherate" e si chiede di abolire i "micro tributi che comportano eccessivi oneri di gestione per lo Stato". Nel documento, inoltre, sono inserite politiche fiscali per le imprese "ispirate al principio per cui chi più assume, meno paga" e c'è anche l'estensione della flat tax per le partite Iva fino a 100 mila euro di fatturato. Ma anche "flat tax su incremento di reddito rispetto alle annualità precedenti, con la prospettiva di ulteriore ampliamento per famiglie e imprese".

E ancora, "semplificazione degli adempimenti e razionalizzazione del complesso sistema tributario", "rapporto più equo tra Fisco e contribuenti con procedure semplificate, onere della prova fiscale a carico dello Stato, riforma della giustizia tributaria e superamento dell'eccesso di afflittività del sistema sanzionatorio", "introduzione del "conto unico fiscale" per la piena e immediata compensazione dei crediti e dei debiti verso la PA" e "diritto al conto corrente per tutti i cittadini".

4.381 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni