Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha svolto anche al Senato l'informativa sulla fase due. Il premier ha riproposto l'intervento già pronunciato questa mattina alla Camera. Subito dopo è iniziato il dibattito: "Ci sono due milioni di italiani che aspettano la cassa integrazione – ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini nel suo intervento – Ci sono 9 settimane per la cassa integrazione da qui a fine ottobre. Ma 13 settimane rimangono scoperte. Cosa faranno gli imprenditori a luglio e ad agosto, visto che non si può licenziare fino a fine agosto? Qual è la nostra soluzione? Il modello svizzero, che ha già erogato 40 miliardi di franchi, compliando un solo foglio. Servono 98 decreti attuativi, come diceva il Sole24Ore, che non è un giornale sovranista. Ma il problema è che questo governo è ostaggio della Cgil, che non vuole i voucher in agricoltura, nel turismo, che non vuole la sospensione del codice degli appalti".

"Per noi gli italiani vengono prima di tutti". Salvini a questo punto si è interrotto, e ha iniziato a urlare, rimproverando i parlamentari dell'area della maggioranza che, a suo dire, stavano ridendo durante il suo intervento. "Qui c'è gente che ride – ha detto Salvini rivolgendosi a una senatrice – Prima di ridere porti rispetto a chi sta a casa. Se ha tanto da ridere vada al bar per rispetto di chi a casa sta soffrendo. Se ha da ridere, vada a Villa Borghese per rispetto degli italiani". Immediato l'intervento del presidente Elisabetta Casellati: "stia seduta e si metta la mascherina – ha affermato -. Siamo in un libero parlamento dove tutti hanno il diritto di esprimersi. Abbiate rispetto reciproco".

"Non esiste che in quest'aula non si porti rispetto per tutti", ha detto ancora la presidente di Palazzo Madama.

"Agli attacchi alla sanità lombarda rispondo con le parole del professor De Donno, che per primo ha adottato la cura col plasma, che ha detto lasciateci lavorare. Magari qualcuno a Roma, al ministero e in Regione Lazio spieghi perchè i cittadini del Lazio non possono avere la cura del plasma, magari perchè a qualcuno non piace la gratuità", ha aggiunto Salvini, riprendendo il suo intervento dopo la bagarre.

"Invece del Mes, la risposta per dare soldi agli italiani, sono i buoni del Tesoro italiani. La scuola è la grande assente della Fase 2 – ha proseguito – In Francia, che ha il nostro stesso numero di morti,   ora sono in classe 1,4 mln di bambini. Siamo gli unici in Europa che non hanno saputo dire ai genitori quando in bambini torneranno in classe. Cosi' avviene in Belgio e in Grecia, ovunque in europa le scuole stanno riaprendo. Qui non siamo riuscitia dare una risposta ai genitori. Ma che fase due è? Mi spiace che qualcuno scuota la testa tra i banchi del governo. Pensate anche a chi non è un privilegiato, non ha i nonni vicini, e non può lasciare un bimbo di sette anni a casa".

"La sanatoria che sta preparando il ministro dell'Interno è pericolosissima – ha attaccato Salvini – State usando il virus per la più grande sanatoria di immigrati clandestini…", riferendosi alla norma del decreto Rilancio, che consente l‘emersione del lavoro nero e permessi temporanei per braccianti, colf e badanti. "Non c'entra con l'agricoltura e le badanti ma è una sanatoria per tutti queli che erano in Italia al 31 ottobre 2019, senza un contratto, senza un permesso di soggiorno; una sanatoria per quelli che stanno spacciando adesso davanti alla Stazione Termini".

"Questo proveremo a cambiare con il lavoro in Parlamento", ha concluso Salvini.