Il ministero dell’Interno ha comunicato di aver firmato l’ordinanza per vietare l’ingresso nelle acque territoriali italiane alla nave Eleonore della ONG Mission Lifeline, che viaggia con a bordo 101 migranti. Come vi avevamo raccontato, nella giornata di ieri l’equipaggio della Eleonore era intervenuto per mettere in sicurezza i 101 migranti che viaggiavano su un barcone che stava per affondare a circa 40 miglia dalle coste libiche. Come ha spiegato l’ONG tramite i suoi canali ufficiali, una nave della Guardia Costiera libica si era anche avvicinata minacciando l’equipaggio della Eleonore, poi si è allontanata dopo diverse richieste del capitano della nave, secondo cui l’azione dei libici avrebbe pregiudicato le operazioni di soccorso.

La nave della ONG è ora in acque internazionali e procede in direzione Nord:

Il provvedimento di Matteo Salvini, che trae la sua base normativa dal decreto sicurezza bis (che consente al ministero dell'Interno di limitare o vietare l’ingresso il transito o la sosta di navi nel mare territoriale per ragioni di ordine e sicurezza), dovrà essere controfirmato dai ministri dei Trasporti e della Difesa. Non è chiarissimo come intenderanno muoversi Danilo Toninelli ed Elisabetta Trenta, anche in relazione alla crisi di governo e alle trattative tra il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle, che potrebbe incidere sulle scelte di queste ore. Va anche ricordato che recentemente il TAR del Lazio si era espresso sulla stessa tipologia di provvedimento emanata nei confronti della Open Arms, accogliendo le richieste degli avvocati della ONG spagnola e permettendo alla nave di entrare nel porto di Lampedusa.