In occasione del lancio della campagna elettorale per le regionali in Emilia Romagna il leader della Lega, Matteo Salvini, e la candidata del Carroccio, Lucia Borgonzoni, hanno evidenziato una delle priorità assolute: tenere aperte gli ospedali anche la notte e anche il sabato e la domenica. Almeno questo è uno degli obiettivi stando alle parole della Borgonzoni. E al tweet di Salvini in cui il leader leghista ripropone le parole della sua candidata e le rilancia. Peccato, però, che entrambi dimentichino che in Italia gli ospedali sono già tutti aperti h24 e sette giorni su giorni. Una dimenticanza che non sembra casuale, considerando che il concetto da esprimere è in parte diverso. Difficile pensare che i due non sappiano come funzionano gli ospedali italiani. Più facile immaginare che il concetto venga semplificato ed espresso in modo vago in un tweet per rendere il messaggio più diretto.

Il tweet di Salvini parla chiaro: “Borgonzoni presidente: Tra i primi provvedimenti ci sarà l’attenzione ai più deboli, gli ospedali saranno aperti di notte, di sabato e di domenica, come in Veneto”. Nel post, probabilmente rilanciato dallo staff di Salvini durante l’evento al Paladozza di Bologna, vengono quindi citate le parole pronunciate dal palco da Borgonzoni. Semplificando, di molto, il concetto. Gli ospedali italiani, e in particolare i pronto soccorso, sono aperti la notte così come nel weekend. Al contrario di quanto sembra voler intendere l’accoppiata Salvini-Borgonzoni.

Cosa intendono in realtà Borgonzoni e Salvini

Quello che vuole intendere la candidata leghista in Emilia Romagna è in realtà in parte diverso. La sua è una ricetta proposta per abbattere le liste d’attesa per le visite specialistiche. Non, quindi, l’idea di tenere aperti tutti gli ospedali sempre, considerando che questo già avviene ovunque. Borgonzoni spiega questo passaggio durante il suo discorso dal palco: “La nostra Emilia Romagna ha delle cose che non funzionano. Ci sono problemi legati alla sanità, agende che vengono chiuse per cui non si riesce ad avere una visita. Perché vengono chiuse? Perché così non si allungano le liste, ma sono lunghissime. Ci sono persone che attendono un anno”. Nonostante ci siano poi i posti prenotando le visite in privato, secondo l’accusa della candidata leghista, che non vuole “una Regione in cui i ricchi hanno una sanità e le persone più deboli un’altra”.

Borgonzoni annuncia il suo primo provvedimento, proprio su questo tema: “Fra i primi provvedimenti metteremo quello che ha detto prima Zaia: gli ospedali devono essere aperti la notte, il sabato, la domenica, devono dare di dare alle persone la possibilità di non prendere un permesso per andare a fare una visita. Se tu ci puoi andare di notte diventa tutto più semplice”. Si parla, quindi, di visite specialistiche che secondo Borgonzoni i cittadini dovrebbero effettuare anche di notte o nel weekend: “Quanti hanno genitori anziani che devono fare una visita? E magari si può risolvere andandoci la notte, la sera. E non con dei trucchetti perché dici che la Regione non ha liste lunghe perché chiudono l’agenda”. In realtà in alcuni casi è già possibile, in Emilia Romagna, effettuare visite specialistiche nel weekend, come sottolineano alcuni utenti sotto il tweet di Salvini che questa possibilità l’hanno sfruttata. In particolare, i pazienti che abbiano bisogno di alcune visite possono effettuarle, in casi di emergenze, anche nel weekend. Ma farlo sempre e per tutti i pazienti, con visite tutte le notti e tutti i weekend, avrebbe chiaramente costi elevatissimi, richiedendo un ingente aumento del personale impiegato.

Ospedali sempre aperti, Pd contro Salvini

Il tweet di Salvini è stato notato anche da alcuni esponenti del Pd. In particolare a rilanciarlo, ironicamente, è la sottosegretaria al Mise, Alessia Morani, che si chiede: “Ogni tanto mi domando se ci fa o ci è”. Anche un’altra deputata del Pd, Alessia Rotta, commenta su Twitter rilanciando il post di Salvini: “Non è un fake. È solo da ricovero. La cosa assolutamente positiva è che potrà essere curato anche la notte e nei fine settimana. Gli ospedali italiani sono aperti h24”.