921 CONDIVISIONI
Primarie del Pd 2019
28 Febbraio 2019
18:28

Primarie Pd, domenica si elegge il nuovo segretario: chi può votare e come si vota

Domenica 3 marzo si vota per le primarie del Pd. Gli elettori del Partito Democratico sono chiamati ai seggi, dalle 8 alle 20, per eleggere il nuovo segretario. La sfida è tra tre candidati: Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e Roberto Giachetti. Come si vota e come verrà eletto il nuovo leader dem.
A cura di Stefano Rizzuti
921 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Primarie del Pd 2019

Mancano tre giorni al voto con cui verrà eletto il nuovo segretario del Partito Democratico. Le primarie si terranno domenica 3 marzo, con seggi aperti dalle 8 alle 20. La corsa è a tre: Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e Roberto Giachetti. Non si vota, come vedremo, per il singolo candidato ma per i componenti della nuova assemblea che poi sceglieranno il segretario. Per essere eletti c’è anche un quorum da raggiungere: bisogna prendere il 50% dei voti più uno. Se nessuno supererà questa cifra, spetterà all’assemblea – convocata per il 17 marzo – scegliere il nuovo segretario. Possono votare non solo gli iscritti al Pd, ma tutti gli elettori e anche i giovani tra i 16 e i 18 anni oltre agli stranieri con permesso di soggiorno. Vediamo nel dettaglio chi può votare e come farlo.

Chi può votare alle primarie del Pd

Potranno votare alle primarie di domenica 3 marzo, i cittadini italiani iscritti alle liste elettorali portando con sé un documento di riconoscimento, la tessera elettorale e un contributo di almeno 2 euro. Per gli elettori fuori sede era necessario registrarsi entro lunedì 25 febbraio per poter votare. Stesso discorso per i giovani tra i 16 e i 18 anni, che voteranno al seggio dei genitori. Per quanto riguarda gli stranieri comunitari ed extracomunitari, c’era lo stesso limite per la registrazione online: al momento del voto, inoltre, è necessario presentare il permesso di soggiorno o la ricevuta di richiesta di rinnovo. Potranno votare anche gli italiani residenti o temporaneamente all’estero, registrandosi come i fuorisede. Gli iscritti del Pd voteranno nel seggio corrispondente alla sezione elettorale e non dovranno versare il contributo minimo di due euro.

Come si vota alle primarie del Pd

I seggi saranno aperti dalle 8 alle 20. Per sapere in quale seggio votare, ogni elettore può trovare queste informazioni attraverso l’apposita sezione del sito delle primarie dem: Pdprimarie2019.it. Al seggio bisogna portare il documento di riconoscimento, la tessera elettorale e il contributo di almeno due euro. Si vota tracciando un unico segno su una delle liste dei candidati all’Assemblea nazionale. I candidati in corsa sono tre. Secondo i sondaggi, il favorito è l’attuale presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti (qui la sua mozione ‘È tempo di scegliere. Prima le persone'). Dietro di lui il segretario uscente, Maurizio Martina (qui la sua mozione ‘#fiancoafianco – Cambiare il Pd per cambiare l’Italia'). Terza candidatura è quella di Roberto Giachetti, in ticket con Anna Ascani (la mozione è ‘#sempreavanti').

Con il voto delle primarie non si elegge direttamente il segretario, ma i delegati che poi si riuniranno poi nell’Assemblea nazionale. In quel momento, i delegati eleggeranno il nuovo segretario. Se nessuno avrà raggiunto la maggioranza assoluta alle primarie, l’Assemblea potrà trovare il nuovo segretario attraverso un accordo interno. Dal 7 al 23 gennaio si è votato nei circoli: si sono espressi poco meno di 190mila iscritti. In testa è risultato Zingaretti, con il 47,3%. Dietro di lui Martina con il 36,1% e Giachetti con l’11,1%. I tre risultati meno votati e quindi esclusi dalle primarie sono stati Francesco Boccia (4%), Maria Saladino e Dario Corallo (entrambi allo 0,7%).

921 CONDIVISIONI
42 contenuti su questa storia
Primarie Pd, Bassolino: "Brutti episodi documentati da Fanpage.it"
Primarie Pd, Bassolino: "Brutti episodi documentati da Fanpage.it"
Primarie Pd Napoli: silenzio del sindaco e di DeMa sul ruolo di Michele Padulano
Primarie Pd Napoli: silenzio del sindaco e di DeMa sul ruolo di Michele Padulano
Caso Primarie: sul capogruppo Pd Bobo' Esposito duello Casillo-Lebro
Caso Primarie: sul capogruppo Pd Bobo' Esposito duello Casillo-Lebro
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni