26 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Pensioni

Perché le pensioni saranno più alte ad aprile 2024 e chi ci guadagna

Dal mese di aprile 2024 anche per le pensioni entrerà in vigore la riforma dell’Irpef a tre aliquote. Questo significa che chi ha un reddito tra 15mila e 50mila euro vedrà un aumento nel cedolino. Ad aprile, in più, ci sarà anche un conguaglio per le somme non erogate da gennaio in poi.
A cura di Luca Pons
26 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Il prossimo mese, gli assegni pensionistici saranno leggermente più bassi, mentre ad aprile 2024 entrerà in vigore la riforma dell'Irpef anche per i pensionati e ci saranno i primi aumenti. Infatti, con il prossimo assegno – erogato nella prima settimana di marzo – si pagherà l'acconto per le addizionali Irpef comunali, e in quei Comuni in cui l'imposta è aumentata potrebbe esserci un effetto negativo sul cedolino. Da aprile, invece, avrà effetto la nuova Irpef, che aiuterà chi ha un reddito tra i 15mila e i 50mila euro.

Nei primi mesi dell'anno, dato che la riforma dell'Irpef è stata approvata a fine 2023 e l'Inps ha bisogno di tempo per completare i calcoli e le procedure amministrative, i pensionati italiani hanno versato l'Irpef seguendo i vecchi calcoli. Ovvero, si è seguita la divisione in quattro scaglioni che era in vigore lo scorso anno.

Dalla mensilità di aprile 2024 invece si applicherà la riforma dell'Irpef a tre aliquote. Chi cade nella prima fascia di reddito, fino a 28mila euro lordi, pagherà il 23%. La seconda fascia, tra i 28mila e i 50mila euro lordi, dovrà versare il 35%. Infine, nell'ultima fascia sopra i 50mila euro si pagherà il 43%. Questo non avrà nessun effetto per chi prende meno di 15mila euro all'anno, e nemmeno per chi si trova sopra i 50mila euro.

Per chi si trova nella fascia tra 15mila e 50mila euro, la differenza sarà del 2% in meno. Tradotto in numeri, questo dovrebbe portare a un risparmio di 260 euro all'anno per i redditi tra i 28mila e i 50mila euro. Tra i 15mila e i 28mila euro ci sarà comunque un guadagno, ma di importo più basso, e crescente con il reddito.

Questi aumenti, finora, non si sono visti nelle pensioni. Infatti, per i primi due mesi dell'anno – e sarà lo stesso a marzo – l'Inps ha seguito le regole in vigore lo scorso anno. Da aprile invece si applicheranno le nuove aliquote. Non solo: con la mensilità di aprile si riceverà anche il conguaglio per le somme in meno ricevute nei mesi precedenti. Facendo i dovuti calcoli, il conguaglio massimo che sarà possibile ricevere nel cedolino è di 83 euro.

La nuova Irpef, comunque, non va confusa con la rivalutazione dell'assegno pensionistico sulla base dell'inflazione. Questo è un aumento del 5,4% che ha beneficiato tutti coloro che hanno un assegno fino a quattro volte il minimo (circa 2.270 euro lordi), e anche tutti gli altri in percentuale decrescente. Questa novità, comunque, è già in vigore dall'inizio dell'anno, ed è già stata erogata con gli assegni di gennaio e febbraio.

26 CONDIVISIONI
207 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views