206 CONDIVISIONI
Crisi di Governo 2022
8 Giugno 2022
10:51

Perché il 21 giugno è un giorno decisivo per il governo Draghi e cosa può accadere

Il 21 giugno si avvicina, insieme alle comunicazioni di Draghi e al voto in Parlamento. Lega e Movimento 5 Stelle, però, smorzano i toni e puntano a trovare un’intesa in maggioranza sullo stop alle armi all’Ucraina.
A cura di Tommaso Coluzzi
206 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Crisi di Governo 2022

Mancano meno di due settimane al 21 giugno, il giorno in cui Mario Draghi tornerà in Parlamento. Tra i vari partiti, nelle ultime settimane, si è respirata l'aria della resa dei conti. Soprattutto da parte di Lega e Movimento 5 Stelle, ex alleati nel governo gialloverde e oggi sulla stessa linea sulle armi. O almeno, questa è la linea dei leader di partito Salvini e Conte, mentre gli esponenti del governo Giorgetti e Di Maio sembrano pensarla diversamente. Nel frattempo i partiti continuano a litigare sulle armi all'Ucraina, vero nodo in vista del 21 giugno, quando Draghi leggerà le sue comunicazioni in vista del Consiglio europeo sulla guerra e la maggioranza dovrà votare una risoluzione comune.

Nei giorni scorsi si è respirata aria di crisi, tanto da far pensare che il governo fosse a rischio per via del passaggio parlamentare. Da Giorgetti a Di Maio – appunto – il voto in Parlamento è stato definito "pericoloso" dal titolare del Mise, mentre il ministro degli Esteri ha parlato di un "Papeete due" imminente. Insomma, la tensione è alle stelle e i gruppi di maggioranza stanno già cominciando a lavorare al testo che andrà votato compattamente. Sono stati gli stessi protagonisti, oggi, a chiarire il punto: "Noi lavoreremo per una risoluzione che metta d'accordo tutto il Parlamento italiano, perché litigare e dividersi in tempi di guerra dopo due anni di pandemia sarebbe sbagliato – ha spiegato Salvini a Radio Capital – E che metta al centro la diplomazia, che è comunque l'arma migliore per fermare le guerre".

Il messaggio di Salvini è chiaro, così come quello del Movimento 5 Stelle: basta armi all'Ucraina e spingere sul negoziato di pace con relativo protagonismo di Italia ed Europa. Conte, d'altronde, sulle armi ripete da settimane che l'Ucraina ne ha abbastanza. Oggi è stata Maria Domenica Castellone, capogruppo pentastellata al Senato, a difendere la posizione del partito: "Ogni volta che poniamo un tema ci accusano di voler far cadere il governo – ha detto al Corriere della Sera – Nella risoluzione di maggioranza a cui stiamo lavorando, come sempre inseriremo i punti che consideriamo prioritari". In particolare "il rafforzamento del percorso diplomatico rispetto alla guerra in Ucraina, una svolta verso un vero negoziato di pace, e la linea che intendiamo adottare nei prossimi mesi per sostenere imprese e famiglie in questa crisi economica". Poi ha detto chiaramente: "Nessuna prova di forza, ma una sintesi nella quale la nostra posizione trovi spazio e riconoscimento".

206 CONDIVISIONI
342 contenuti su questa storia
Le notizie del 23 luglio sulla crisi del governo Draghi
Le notizie del 23 luglio sulla crisi del governo Draghi
Cannabis, salario minimo, aiuti: quali provvedimenti saltano con la crisi di governo e quali no
Cannabis, salario minimo, aiuti: quali provvedimenti saltano con la crisi di governo e quali no
Delmastro (Fdi) a Fanpage:
Delmastro (Fdi) a Fanpage: "Noi dalla parte dell'Ucraina, Putin festeggia quando il popolo non vota"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni