AGGIORNAMENTO: La nave Ocean Viking ha soccorso altre 106 persone in difficoltà. Lo riferisce Sos Mediterranee. I migranti erano stati avvistati nel pomeriggio a bordo di un gommone "stracolmo", si legge in un tweet. "L'operazione stava per diventare critica – viene spiegato – due persone sono cadute fuoribordo. Sono state messe subito in salvo".

"Il salvataggio è avvenuto in acque internazionali, a 28 miglia dalla costa libica. La maggioranza delle persone presenti sul gommone era fortemente intossicata dai fumi del carburante".

Oggi la nave umanitaria aveva già salvato 149 migranti nel Mediterraneo, al largo delle coste libiche. Tra di loro, riferisce la ong, ci sono molte donne e bambini. Questo gruppo si aggiunge alle persone recuperate ieri dalla nave, che aveva effettuato un'altra operazione di salvataggio. Il totale dei migranti a bordo dell'imbarcazione adesso è di 374 persone. Il più piccolo dei bambini è un neonato di sole 4 settimane.

Tutto è iniziato ieri mattina, quando è arrivata la segnalazione di 119 persone stipate su un gommone alla deriva. Le squadre di Sos Mediterranee "hanno soccorso altre due imbarcazioni in difficoltà dalle quali sono state tratte in salvo 149 persone. Esausti e infreddoliti, i sopravvissuti sono stati presi in carico dal nostro team medico e ora sono sani e salvi a bordo della nostra nave ambulanza. Tra loro, almeno una donna incinta e molti bambini richiedono un'attenzione medica speciale".

"Siamo stati avvisati delle due barche in pericolo da Alarm Phone, che come noi ha informato subito le autorità – ha raccontato l'ong – Abbiamo trovato i due gommoni in difficoltà dopo circa due ore di ricerca e abbiamo iniziato un salvataggio poco prima delle 7 del mattino e finito intorno alle 9. Circa 150 persone sono state salvate".

"Ci sono molti bambini e donne a bordo. Alcune delle donne sono incinte. Alcune persone hanno richiesto assistenza medica all'arrivo sull'Ocean Viking per il trattamento del dolore e del mal di mare o delle ferite subite in Libia, ma finora non ci sono stati casi medici gravi", hanno detto i volontari.

La Ocean Viking è attualmente l'unica nave umanitaria presente nel Mediterraneo centrale, e i viaggi intrapresi dai migranti, che non si arrestano, d'inverno sono ancora più pericolosi. Dall'inizio dell'anno, almeno 62 persone sono annegate su questa rotta migratoria, secondo l'Organizzazione Internazionale per le migrazioni. Due giorni fa, l'Oim e l'Agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr) hanno riferito di almeno 43 migranti morti in un naufragio avvenuto il 19 gennaio al largo delle coste libiche. Dieci i sopravvissuti riportati in Libia dalle autorità libiche.