Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

A lanciare l’Sos è Alarm Phone, l’organizzazione che riceve le chiamate dei migranti in difficoltà nel Mediterraneo. Ci sono 91 persone a bordo di un’imbarcazione “in grave pericolo”: persone fuggite dalla Libia e che si trovano al largo della capitale Tripoli, come riportato – attraverso una mappa – dalla stessa Alarm Phone. L’allarme viene lanciato su Twitter: “Sos 91 persone in grave pericolo! Le persone sono fuggite dalla Libia. Ci hanno raccontato che l’acqua sta entrando nell’imbarcazione e che qualcuno è già caduto in mare. Abbiamo informato le autorità alle 4.24, ma non hanno ancora messo in campo azioni sufficienti. Le persone hanno bisogno di un aiuto immediato”.

L’imbarcazione sarebbe quindi alla deriva già dalla notte e starebbe imbarcando acqua. Nessuno sarebbe ancora intervenuto, tanto che poco dopo sempre Alarm Phone ribadisce su Twitter – commentando lo stesso post – che non ha ricevuto risposte e che nessuno finora è intervenuto. “Dopo ore di chiamate vane al numero della cosiddetta Guardia costiera libica, siamo riusciti a parlare con un rappresentate che ci ha detto che la Libia non ha condotto un’operazione di salvataggio finora”, scrive ancora Alarm Phone. E la motivazione spiegata da Alarm Phone è tutt’altro che rassicurante: le autorità libiche non sarebbero intervenute “poiché i centri di detenzione sono pieni e hanno bisogno di una soluzione”. Per questo Alarm Phone lancia un appello, rivolto alle autorità dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo e alle imbarcazioni che si trovano in quella zona di mare: “Non lasciate annegare queste persone”.