La Ocean Viking sbarcherà a Messina i 182 migranti soccorsi occasioni davanti alla Libia. Secondo quanto si apprende da fonti del Viminale, il Ministero dell’Interno ha assegnato alla nave di Sos Mediterranée e Medici senza frontiere un porto sicuro, quello di Messina. L’imbarcazione si trova ad est di Linosa e nel pomeriggio la ong aveva fatto sapere che “uomini, donne e bambini stanno soffrendo per le condizioni meteorologiche avverse”. La prima richiesta di un porto sicuro a Italia e Malta era stata avanzata venerdì. Tra i 182 migranti a bordo della Ocean Viking ci sono 14 bimbi, la più piccola di appena 8 giorni: "Più metà della sua vita – sottolineava Msf prima dell'assegnazione del porto – l'ha passata su una nave di salvataggio. Molti dei migranti sono stati rinchiusi in centri di detenzione, esposti alla violenza ed all'incertezza. Europa, ritardare il loro sbarco è disumano".

La notizia arriva alla vigilia del vertice dei ministri degli Interni di Italia, Malta, Francia e Germania che domani si terrà a La Valletta ed è incentrato sulla questione migranti, con Francia e Germania che nei giorni scorsi si sono dette disponibili ad accogliere il 25% a testa. In realtà anche altri Paesi potrebbero entrare nel numero di quelli che fanno parte del meccanismo automatico di ripartizione, il che significherebbe ridurre il ‘carico' per i paesi invece dichiaratisi ‘volenterosi': alle ultime ripartizioni hanno partecipato ad esempio Portogallo, Irlanda, Lussemburgo. Anche il premier Giuseppe Conte è tornato a chiedere "un meccanismo automatico" per la distribuzione di chi giunge via mare. Anche i cosiddetti "economici", puntualizza in riferimento ai non richiedenti asilo.