15.765 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 19 ore fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61394 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 19 ore fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
17 Agosto 2022
13:03

Matteo Renzi dice che se la destra vincerà le elezioni lui starà all’opposizione

“Non è che stiamo con la destra o la sinistra a seconda di chi vince. Se vince la destra, governa la destra e noi stiamo all’opposizione”: lo ha detto Matteo Renzi.
A cura di Annalisa Girardi
15.765 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Se il centrodestra vincerà le elezioni, il Terzo Polo andrà all'opposizione. Lo ha detto il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, a RaiNews24. "Non è che stiamo con la destra o la sinistra a seconda di chi vince. Se vince la destra, governa la destra e noi stiamo all'opposizione", ha messo in chiaro. Per poi aggiungere che in entrambi gli schieramenti sono presenti forze che si sono opposte a Mario Draghi e che quindi risultano incompatibili con l'agenda del Terzo Polo. "Destra, sinistra e 5 Stelle hanno al loro interno candidati che sono contro Mario Draghi. Non vengano a raccontarci che hanno difeso Draghi: il Pd candida Fratoianni, il centrodestra ha la Meloni, il Movimento 5 Stelle ha aperto la crisi. Noi siamo gli unici coerenti, siamo stati e saremo dalla parte dell'agenda Draghi. Gli altri sono tutti chiacchiere e distintivo", ha aggiunto.

L'iniziativa di Azione e Italia Viva, nata in vista del 25 settembre, non è un "mero accordo elettorale", ha proseguito l'ex presidente del Consiglio, ma rappresenta "un progetto politico comune". Su questo si è detto subito d'accordo il leader dell'alleanza, Carlo Calenda. Che a Sky Tg24 ha anche rimarcato: "Sono totalmente d'accordo con Renzi sul futuro comune di Azione e Italia Viva. Nell'accordo elettorale abbiamo messo l'impegno a fare gruppi comuni. Tra l'altro siamo l'unica coalizione che sta insieme anche in Europa, gli altri invece hanno ciascuno una casa europea diversa". E ancora: "La nostra partita si gioca sul proporzionale al Senato e sulla capacità di attrarre voti moderati e riformisti di gente che vuole andare avanti con l'agenda Draghi e ritiene che quello che è successo sia stato un momento che segna la fine della secondo Repubblica".

Domani Azione e Italia Viva dovrebbero presentare il programma comune con cui si presenteranno alle elezioni il prossimo 25 settembre. Nel frattempo Renzi ha già annunciato che una proposta sarà quella del cosiddetto sindaco d'Italia: "Presidenzialismo? Preferirei l'elezione diretta del premier, perché secondo me è giusto che i cittadini scelgano. Sogno un meccanismo semplice come quello del sindaco d'Italia. Tutti coloro che ascoltano sanno che quando si vota per il sindaco è facile, poi magari si perde. Questo meccanismo è democrazia, funziona", ha detto.

15.765 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni