52 CONDIVISIONI

L’Italia è la peggiore in Ue per tasso di occupati: davanti a noi anche Grecia e Romania

La media di occupati in Ue nel 2022 ha raggiunto il valore più alto mai registrato. Ma non è certo l’Italia a trainare il miglioramento: il nostro Paese è infatti l’ultimo della classifica per tasso di occupazione. Davanti a noi anche Grecia e Romania.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Annalisa Girardi
52 CONDIVISIONI
Immagine

Quando si parla di occupazione e lavoro, l'Italia registra i livelli peggiori di tutta l'Unione europea. Davanti a noi anche Grecia e Romania. È quanto emerge dai dati di Eurostat, che già a febbraio avevano certificato il miglioramento della Grecia e lo slittamento dell'Italia a fanalino di coda dell'Ue.

Se la media europea per il tasso di occupazione, per quanto riguarda il 2022, è al 74,6%, l'anno scorso in Italia questa si è fermata a dieci punti in meno, al 64,8%. È il valore più basso di tutta l'Unione. Nei Paesi dell'Est, dove storicamente si registrano tassi di occupazione molto bassi, viaggiano a cifre più elevate, come il 66,3% della Grecia o il 68,5% della Romania. La Spagna, unico Paese dell'Europa occidentale a essere come noi sotto la soglia del 70%, raggiunge comunque un tasso di occupazione del 69,5%. I livelli più elevati si registrano nel Nord Europa: in cima alla classifica ci sono i Paesi Bassi, con un tasso di occupazione all'82,9%. Seguono Svezia ed Estonia, entrambe all'82%.

Ad ogni modo, il valore europeo che sfiora il 75% è la quota più alta mai registrata nelle serie temporali di Eurostat, iniziate nel 2009. In numeri assoluti, si parla di 193,5 milioni di persone tra i 20 e i 64 anni che vivono in Ue e sono occupate. Il Piano di azione 2030 del Pilastro europeo dei diritti sociali ha fissato l'obiettivo del 78%. Al momento ci sono undici Paesi che hanno già oltrepassato questa soglia. L'Italia, però, è ancora molto lontana.

L'indagine dell'Eurostat si è soffermata anche su un altro aspetto che riguarda la vita lavorativa degli europei. Gli analisti dell'Ue, infatti, hanno evidenziato come il 22% dei lavoratori sia over-qualificato per il lavoro che svolge, un tasso che è più alto per le donne che per gli uomini. Per le prime la percentuale è infatti del 23%, mentre per gli ultimi scende al 21%.

In Italia il divario di genere si allarga. Se gli uomini troppo qualificati per il lavoro che svolgono sono al di sotto del 20%, per le donne il tasso supera quota 25%. Per la precisione il gap è di sette punti, un numero tra i più alti che sono stati registrati. Hanno differenze più marcate di noi solo Malta e Cipro, rispettivamente con undici e otto punti. La media generale italiana, invece, è in linea con quella europea.

Immagine

Fonte: Eurostat

52 CONDIVISIONI
Divieto alla carne coltivata, l'Italia ha violato le norme Ue e ora rischia procedura d'infrazione
Divieto alla carne coltivata, l'Italia ha violato le norme Ue e ora rischia procedura d'infrazione
L'Ue ha rivisto a ribasso le previsioni economiche sul Pil dell'Italia per il 2024
L'Ue ha rivisto a ribasso le previsioni economiche sul Pil dell'Italia per il 2024
Mar Rosso, Crosetto annuncia che l'Italia assumerà il comando tattico della missione Ue
Mar Rosso, Crosetto annuncia che l'Italia assumerà il comando tattico della missione Ue
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni