126 CONDIVISIONI
Opinioni
26 Novembre 2013
18:06

La sfida delle donne che lavorano nel sociale: tre storie italiane

Il docufilm prodotto dalla Legacoopsociali racconta l’Italia in cui le donne non sono costrette alle quote rosa ma sono parte integrante e dirigente di aziende e cooperative sociali. Dall’Emilia Romagna all’Umbria fino alla Campania: viaggio nel Paese che ci siamo “disabituati a volere”.
126 CONDIVISIONI
Le donne che lavorano in Cadiai, coop sociale da 40 anni a Bologna.
Le donne che lavorano in Cadiai, coop sociale da 40 anni a Bologna.

 Emilia-Romagna, Umbria, Campania. Ovvero la tradizione delle cooperative sociali del centro italia e il coraggio dell'impresa rosa a Casal di Principe, in quella che tristemente è oggi conosciuta come "Gomorra". Tre storie, tre donne, legate da un filo e da obiettivi comuni. È l'Italia che non fa parlare i patinati né le fiction, è il motore del Paese ma non fa audience. È il popolo operoso e silenzioso che tesse la rete del welfare italiano, quello descritto da "Futura", il docu-film prodotto da Legacoopsociali e realizzato da Mario Leombruno, Luca Romano e Giuseppe Manzo. "Femminile plurale per la nuova economia" è il sottotitolo che spiega questo lavoro, proiettato all'ultimo congresso di Legacoopsociali e ora disponibile su Fanpage.it per il web. Il Paese della cooperazione sociale è l'Italia delle donne, un mondo esattamente contrario a quello che siamo abituati a vedere tutti i giorni nelle altre realtà. Non è quello del 50 per cento di disoccupazione femminile, non è quello costretto alle quote rosa per ottenere un minimo di rappresentanza, non è quello della condizione salariale discriminante né quello – vergognoso – del 9 percento nei ruoli dirigenti in rosa. È un paese in cui il lavoro si coniuga con i tempi e i diritti di genere: nelle coop sociali c’è il 70 percento di occupazione femminile e il 50 percento di donne nei Consigli di amministrazione, senza dimenticare che in Legacoopsociali sono donne la presidente e la vicepresidente nazionali.

Dunque il filo della solidarietà e della cooperazione che rotola da Nord e giù fino a Terra di Lavoro racconta di una coop sociale bolognese, di una realtà perugina e di un centro antiviolenza casertano. "Futura" parte dalla più antica cooperativa sociale, la "Cadiai", nata a Bologna nel 1974 e oggi presieduta da Franca Gugliemetti, specializzata in servizi alla persona, all'infanzia e agli anziani. Poi va a Città di Castello (Perugia) e a raccontare è Alessandra Garavani, presidente de "Il Poliedro". Madre, moglie e massimo dirigente di un'impresa sociale che si occupa dell'inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati. A Sud, infine, la realtà casertana e la sfida dei centri antiviolenza della coop sociale "Eva" guidata da Raffaella Palladino: aprire una comunità per donne maltrattate in un bene confiscato alla camorra, la casa del boss dei Casalesi Walter Schiavone.

126 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
L'aborto è un diritto di tutte le donne, ma due ginecologi su tre sono obiettori di coscienza
L'aborto è un diritto di tutte le donne, ma due ginecologi su tre sono obiettori di coscienza
Le bugie sull'aborto: non è vero che tutto funziona, l'obiezione nuoce sempre più alle donne
Le bugie sull'aborto: non è vero che tutto funziona, l'obiezione nuoce sempre più alle donne
Come sarà il sesso che verrà? Dipende da quanto libereremo le donne dai dogmi sociali
Come sarà il sesso che verrà? Dipende da quanto libereremo le donne dai dogmi sociali
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni