3.144 CONDIVISIONI
27 Luglio 2022
09:38

Le aziende possono usare la cassa integrazione per il caldo se si superano i 35 gradi

Le aziende possono chiedere la cassa integrazione ordinaria quando le temperature superano i 35 gradi, per evitare di mettere a rischio la salute dei lavoratori.
A cura di Tommaso Coluzzi
3.144 CONDIVISIONI

Cassa integrazione per il troppo caldo. Non si tratta di una novità assoluta, ma la nota congiunta di Inail e Inps arriva dopo settimane in cui le temperature sono diventate a tratti insostenibili – soprattutto al Centro-Sud – e in cui i malori sul lavoro sono aumentati esponenzialmente. "Le imprese potranno chiedere all'Inps il riconoscimento della cassa integrazione ordinaria quando il termometro supera i 35 gradi centigradi – si legge nella nota – Ai fini dell'integrazione salariale, però, possono essere considerate idonee anche le temperature percepite". Ed è questa la vera svolta: varrà anche la temperatura percepita e non solo quella registrata, come in verità accadeva già in precedenza.

I fenomeni climatici estremi che stiamo vivendo sono ormai chiaramente legati all'aumento del rischio di infortunio sul lavoro. La causale della Cigo, infatti, in questo caso è "eventi meteo", ed è invocabile dall'azienda anche in caso di sospensione o riduzione dell'attività lavorativa a causa delle temperature elevate. Per quanto riguarda le temperature percepite, invece, bisogna tenere conto della tipologia di lavoro. Viene fatto l'esempio di chi lavora alla stesura del manto stradale o gli operai che si occupano del rifacimento di facciate e tetti delle abitazioni. In generale, tra l'altro, questo tipo di lavori all'aperto richiede anche strumenti di protezione, oltre che essere tendenzialmente esposti alla luce del sole.

L'Inps ha spiegato che – passando all'attuazione pratica della misura – nella domanda di cassa integrazione ordinaria bisogna indicare solo le giornate di sospensione o riduzione dell'attività, specificando il tipo di lavoro. Non servono bollettini meteo o temperature, che siano reali o percepite. Sarà l'ente previdenziale a reperire le informazioni mancanti in questo senso e a fare le sue valutazioni.

"I fenomeni climatici estremi aumentano il rischio di infortuni sul lavoro e abbiamo dato una pronta, urgente e necessaria risposta – ha commentato il ministro del Lavoro, Andrea Orlando – Per tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori arriva la cassa integrazione per temperature sopra ai 35 gradi reali o percepiti".

3.144 CONDIVISIONI
Meteo, in settimana caldo verso l'attenuazione al Nord, temperature vicino ai 40 gradi al Sud
Meteo, in settimana caldo verso l'attenuazione al Nord, temperature vicino ai 40 gradi al Sud
Caldo estremo, da domani picco dell'ondata: temperature oltre i 40 gradi, bollino rosso in 9 città
Caldo estremo, da domani picco dell'ondata: temperature oltre i 40 gradi, bollino rosso in 9 città
Meteo, torna il caldo rovente: prossima settimana temperature oltre i 40 gradi
Meteo, torna il caldo rovente: prossima settimana temperature oltre i 40 gradi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni