10 CONDIVISIONI

L’Arera dice che nel 2023 aumenteranno ancora i beneficiari dei bonus bolletta luce e gas

Il presidente dell’Arera ha fatto un bilancio dello scorso anno: un successo i bonus sociali luce e gas per le bollette, fondamentale la scelta di passare a un indice mensile.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Tommaso Coluzzi
10 CONDIVISIONI
Foto d'archivio
Foto d'archivio

Nel 2023, i beneficiari dei bonus sociali di luce e gas aumenteranno ancora. Il presidente dell'Autorità di regolazione per energia reti e ambiente, Stefano Besseghini, è intervenuto oggi in Aula alla Camera per la sua relazione annuale. "Per l'anno 2023, si può stimare un ulteriore incremento dei beneficiari dei bonus sociali elettrico e gas, che potrebbero ammontare rispettivamente a circa 4,7 e 2,8 milioni di nuclei familiari – ha spiegato il presidente di Arera – Gli ultimi mesi dell'anno in corso vedranno necessariamente una fase di ripensamento dei bonus sociali, saranno necessarie valutazioni e scelte relativamente alla soglia Isee di accesso e ai valori economici degli sconti in bolletta".

Conti alla mano, il presidente Besseghini ha spiegato che nel 2022 sono stati spesi 4,4 miliardi di euro complessivi per finanziare i bonus sociali elettrico e gas. Inoltre sono stati destinati altri 2 miliardi di euro per il rafforzamento del bonus luce e 1,8 miliardi di euro per il bonus gas. Al termine dell'anno, è possibile dire che "l'introduzione delle componenti compensative integrative nel settore elettrico ha consentito, indipendentemente dalla forte volatilità che ha caratterizzato i prezzi, di mantenere la spesa unitaria trimestrale tra circa 13,18 centesimi di euro/kWh e i 13,68 centesimi/kWh, a fronte di una spesa media tra i 41,34 centesimi/kWh e i 66,01 centesimi/kWh per i clienti privi di tale meccanismo protettivo", ha spiegato il presidente dell'Arera.

Nello scorso semestre invernale, a cavallo tra il 2022 e il 2023, grazie al cambio della "modalità di fissazione del prezzo per il servizio di tutela gas" da "una indicizzazione basata su prodotti Ttf trimestrali forward" a "un indice basato sul prezzo ex-post, mensile, formato al Psv italiano", ha continuato Besseghini, ha comportato "un vantaggio, per il consumatore in tutela", stimato "in circa 3 miliardi di euro". Insomma, dal questo punto di vista la decisione è stata un successo. E considerando il gran numero di contratti nel mercato libero, ma indicizzati al prezzo di tutela, "il vantaggio complessivo è ben più elevato".

10 CONDIVISIONI
Bollette luce, a quale fornitore è assegnato chi non passa al mercato libero: l'elenco per provincia
Bollette luce, a quale fornitore è assegnato chi non passa al mercato libero: l'elenco per provincia
Aumentano i fondi per il Bonus psicologo 2024, ma l'aiuto è ancora fermo dopo un anno
Aumentano i fondi per il Bonus psicologo 2024, ma l'aiuto è ancora fermo dopo un anno
Bonus Mutui, agevolazioni prima casa under 36 anche con il solo contratto preliminare entro il 2023
Bonus Mutui, agevolazioni prima casa under 36 anche con il solo contratto preliminare entro il 2023
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views