1.312 CONDIVISIONI
Opinioni
28 Dicembre 2021
12:52

La riforma fiscale del governo Draghi è un regalo a ricchi, ed è l’ultima cosa di cui avevamo bisogno

Dopo una pandemia che ha ampliato le disuguaglianze, una riforma fiscale che favorisce i ricchi dovrebbe essere uno smacco intollerabile per le forze di sinistra che sostengono il governo Draghi. Dovrebbe, per l’appunto.
1.312 CONDIVISIONI

Togliere a chi ha di meno, per dare a chi ha di più. 

Sembra uno scherzo, dopo due anni di pandemia, ma è questo quel che succederà con la riforma fiscale del governo Draghi. O, per essere più precisi ancora, con la revisione delle aliquote, degli scaglioni e delle detrazioni dell’imposta sul reddito, altrimenti detta Irpef. Sembra uno scherzo, ma l’Ufficio Parlamentare di Bilancio, che si occupa di valutare l’impatto sui conti pubblici e gli effetti redistribuivi di ogni provvedimento di finanza pubblica non è particolarmente avvezzo agli scherzi: “L’analisi degli effetti distributivi delle modifiche apportate all’Irpef per livelli di reddito conferma sostanzialmente (che) la riduzione di imposta in valore assoluto è maggiore nelle classi di reddito medio-alte, in particolare quelle con un ”reddito imponibile tra i 42.000 e i 54.000 euro (tra i 3.500 e i 4.500 euro mensili)”, si legge nell'analisi dedicata alla riforma. Più nel dettaglio: i dirigenti avranno una riduzione media di imposta di circa 368 euro, più del doppio di quella prevista per gli operai che è di 162 euro. 

Rileggetevele bene, queste quattro righe. Perché come voi le leggeranno i parlamentari che dovranno approvare questa riforma. E per quanto sia normale che tra loro ci siano quelli di centrodestra, favorevoli a un regime fiscale ancora più iniquo e a favore dei ricchi come la flat tax ad aliquota unica, meno normale è che questa riforma possa trovare il plauso delle forze appartenenti al cosiddetto centrosinistra, Pd e Movimento Cinque Stelle in primis.

Non lo è, e non lo sarà, perché non ha senso parlare di disuguaglianze a ogni pie sospinto e poi avallare un così smaccato trasferimento di ricchezza dal basso verso l’alto.

Non lo è, perché i più consistenti tagli delle tasse, come da manuale della giustizia sociale, avrebbero dovuto riguardare i redditi medio bassi.

Non lo è, perché pure il beneficio marginale, e gli effetti positivi sull’economia, sarebbero stati maggiori se a beneficiare del taglio fiscale fossero state le classi meno abbienti.

Non lo è, perché i due anni di pandemia hanno aumentato povertà e disuguaglianze, nel mondo così come in Italia, e chi ha progettato la nuova architettura fiscale avrebbe dovuto tenerne conto.

Non lo è, perché anche il valore dei patrimoni finanziari e immobiliari è aumentato a dismisura in questi anni, ma in Italia si parla solo di imposte sui redditi e mai di imposte sui grandi patrimoni.

Non lo è, perché favorire i redditi medio alti vuol dire anche favorire come al solito gli elettori maschi e gli anziani – i cosiddetti “capi famiglia” che già beneficiano di stipendi più alti, posti di lavoro più sicuri e pensioni garantite – a svantaggio di giovani e donne.

Non lo è, in altre parole, perché è una riforma che ammazza la mobilità sociale e che consolida le rendite di posizione. Piuttosto, confidiamo che non lo sia anche per una buona percentuale di parlamentari che si definiscono progressisti. E che per una volta dovrebbero smettere i panni dei responsabili portatori d’acqua di un governo di larghe intese che a volte, troppe volte, fatica a convincerci di non essere di destra. Questa volta, in particolare.

1.312 CONDIVISIONI
Francesco Cancellato è direttore responsabile del giornale online Fanpage.it. Dal dicembre 2014 al settembre 2019 è stato direttore del quotidiano online Linkiesta.it. È autore di “Fattore G. Perché i tedeschi hanno ragione” (UBE, 2016), “Né sfruttati né bamboccioni. Risolvere la questione generazionale per salvare l’Italia” (Egea, 2018) e “Il Muro. 15 storie dalla fine della guerra fredda” (Egea, 2019)
Come sarà la riforma fiscale che il governo Meloni sta preparando
Come sarà la riforma fiscale che il governo Meloni sta preparando
Riforma fiscale, come vuole cambiare le tasse il governo di Giorgia Meloni
Riforma fiscale, come vuole cambiare le tasse il governo di Giorgia Meloni
L'effetto delle tasse sulle diseguaglianze: le politiche fiscali che fanno risparmiare i più ricchi
L'effetto delle tasse sulle diseguaglianze: le politiche fiscali che fanno risparmiare i più ricchi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni