221 CONDIVISIONI
25 Aprile 2021
16:28

La circolare del ministero dell’Interno ai prefetti sulle nuove regole in zona gialla dal 26 aprile

Il ministero dell’Interno ha inviato una circolare ai prefetti in cui si chiariscono le norme che saranno in vigore a partire da domani, lunedì 26 aprile, quando torneranno le zone gialle e potranno riaprire una serie di attività. Ecco le regole spiegate dal Viminale per spostamenti, ristoranti, cinema, teatri, scuole e palestre.
A cura di Annalisa Girardi
221 CONDIVISIONI

Il ministero dell'Interno ha inviato una circolare ai prefetti in cui si chiariscono le norme che saranno in vigore a partire da domani, lunedì 26 aprile, quando torneranno le zone gialle e potranno riaprire una serie di attività. Per prima cosa si specifica che con il ripristino dell'area gialla saranno nuovamente permessi anche gli spostamenti tra le Regioni che rientrano in questa o nell'area bianca. Per le zone arancioni e rosse, si precisa, rimangono invariate tutte le norme precedenti, ma sarà possibile spostarsi tra le Regioni se si presenta un certificato di vaccinazione, di guarigione dal Covid o di tampone negativo.

Un'altra novità riguarda le visite, concesse una sola volta al giorno (in zona arancione solo in ambito comunale) verso un'altra abitazione privata: da lunedì 26 aprile il limite entro cui ci si può spostare non sarà più di due persone per nucleo familiare (meno minori di 14 anni e persone non autosufficienti), ma di quattro.

Si precisa poi come funzionerà per le scuole superiori: il limite minimo inderogabile di alunni in presenza va dal 50% al 70% nelle zone rosse e dal 70% al 100% in quelle gialle e arancioni. Per queste due aree, però, l'obiettivo è quello di tornare totalmente alle lezioni in classe. Il limite massimo di capienza per i trasporti rimane al 50%, ma gli istituti scolastici possono organizzarsi con fasce orarie differenziate per l'ingresso e l'uscita degli studenti.

Per quanto riguarda i ristoranti, il Viminale chiarisce che potranno riaprire solo in zona gialla "esclusivamente all'aperto e nella fascia orari compresa tra le ore 5.00 e le ore 22.00". Fino al 31 maggio, si aggiunge, "relativamente agli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande, il servizio al banco rimarrà possibile in presenza di strutture che consentano la consumazione all'aperto".  Ad uno stesso tavolo potranno sedersi sempre un massimo di quattro persone, a meno che non siano tutte conviventi.

Per gli spettacoli nei cinema, nei teatri e nelle sale da concerto, si legge nella circolare, "dovranno svolgersi in via esclusiva con posti a sedere preventivamente assegnati e a condizione che sia assicurato il mantenimento interpersonale di un metro, sia tra gli spettatori non abitualmente conviventi, sia tra il personale addetto ai lavori". La capienza massima è dal 50% e non bisogna andare comunque oltre i 1.000 spettatori all'aperto e i 500 al chiuso. Per le palestre e le piscine si rimanda alle linee guida adottate dalla Presidenza del Consiglio dei ministri e si ribadisce che è comunque vietato l'uso degli spogliatoi, in via generale.

Il superamento di altre restrizioni, conclude la circolare, dovrà sempre essere temperato con il rispetto delle regole e l'andamento del quadro epidemiologico. In altre parole, le riaperture non devono essere tradotte con un "liberi tutti" e per questo "si invita a dedicare particolare attenzione alle zone che per consuetudine o conformazione" potrebbero "prestarsi a fenomeni di affollamento o ad assembramenti".

221 CONDIVISIONI
Zona gialla, le regole su spostamenti, mascherina e ristoranti: cosa si può fare
Zona gialla, le regole su spostamenti, mascherina e ristoranti: cosa si può fare
Green pass e zona gialla: quando arriva il nuovo decreto del governo e cosa cambia
Green pass e zona gialla: quando arriva il nuovo decreto del governo e cosa cambia
Green Pass, dalla stretta in zona gialla ai nuovi criteri per il rilascio: le ipotesi sul tavolo
Green Pass, dalla stretta in zona gialla ai nuovi criteri per il rilascio: le ipotesi sul tavolo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni