20 Dicembre 2015
12:44

L’Aquila in festa: rinasce il museo nazionale nell’ex mattatoio

“Quando apre un museo è sempre una festa, in questo caso la festa è doppia perché è stata anche vinta una sfida”, così il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del turismo Dario Franceschini, inaugura ufficialmente la rinascita dell’arte a L’Aquila. Il sisma che nel 2009 sconvolse la città, distrusse anche il castello cinquecentesco, ora dopo sei anni il museo trova una nuova sede, quella dell’ex Mattatoio comunale: la riuscita del progetto è data non solo dalle misure di prevenzione antisismica ma anche dall’ispirazione al design dei musei moderni.
A cura di Silvia Buffo
Il ministro Dario Franceschini.
Il ministro Dario Franceschini.

Il restauro della sede originale non è ancora terminato ma l'arte ha urgenza di tornare a vivere, così nell'ex mattatoio, concesso in comodato d'uso gratuito al Mibact, è stato appena inaugurato l'allestimento temporaneo che ospita opere di immenso valore. L'ex mattatoio è stato ristrutturato con tecnologie antisismiche in borgo Rivera, a ridosso delle mura della città, in un'area più decentrata rispetto a quella originaria, ma storicamente significativa. Il ministro Dario Franceschini è entusiasta e propone la realizzazione di un polo contemporaneo:

"Chiederemo opere ai grandi artisti, vedremo chi oserà dire di no. Con il Maxxi, poi, abbiamo già avviato il progetto di creare una nuova sede del Museo proprio in questa città, all'interno di Palazzo Ardinghelli, di cui a primavera, si concluderanno i lavori, finanziati dal governo russo".

"Madonna del Rosario" di Saturnino Gatti.
"Madonna del Rosario" di Saturnino Gatti.

Oltre cento opere per l'esposizione al Munda di diverse epoche e tipologie, tra reperti archeologici, sculture lignee e dipinti, identificativi della storia e della cultura abbruzzese fino al XVIII secolo. La riuscita del progetto è data non solo dalle misure di prevenzione antisismica ma anche dall'ispirazione del design dei musei moderni. Gli aquilani riprendono il contatto con le opere d'arte grazie anche all'eccellente lavoro di restauro che è stato fatto su di esse, ritrovate tra le macerie, per rimediare agli enormi danni del terremoto.

L'intervento di restauro è condotto dallo Stato italiano per il tramite del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del turismo in collaborazione con Invitalia, nell'ambito del progetto Mumex, la rete dei musei di spicco del Mezzogiorno. I reperti e le madonne provenienti da chiese distrutte trovano finalmente ospitalità al Munda in attesa di essere riposte nelle loro sedi originarie, fra queste la Madonna di Lettopalena del XII secolo e la Madonna "de Ambro", della prima metà del XIII secolo, proveniente dalla chiesa di Santa Maria a Grajano.

In mostra al Museo Etrusco il corredo dei principi Barberini e Bernardini: mancava da 8 anni
In mostra al Museo Etrusco il corredo dei principi Barberini e Bernardini: mancava da 8 anni
L'Aquila, va a fumare dal vicino per non farsi vedere dai genitori: lui la violenta per 5 anni
L'Aquila, va a fumare dal vicino per non farsi vedere dai genitori: lui la violenta per 5 anni
L'addestratore dell'aquila della Lazio fa il saluto romano insieme ai tifosi
L'addestratore dell'aquila della Lazio fa il saluto romano insieme ai tifosi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni