44.418 CONDIVISIONI
Crisi di Governo 2022
19 Gennaio 2021
21:53

Il Senato vota la fiducia a Conte: il Governo ha la maggioranza relativa con 156 sì

Dopo il passaggio alla Camera, che ha accordato la fiducia al Governo Conte ieri sera, arriva anche il via libera del Senato. Non si tratta però, in questo caso, di una maggioranza assoluta, ma solo relativa: pesano tantissimo, in questo senso, i senatori astenuti di Italia Viva. Conte raccoglie il risultato e sospende per ora la crisi di Governo.
A cura di Tommaso Coluzzi
44.418 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Crisi di Governo 2022

Conte ha la maggioranza al Senato. Il Governo ha ottenuto la fiducia anche a Palazzo Madama, dopo il passaggio di ieri alla Camera con 321 sì. I senatori hanno votato favorevolmente alla fiducia all'esecutivo, con 156 sì e 140 no (inizialmente avevamo parlato di 154, poi sono stati riammessi i senatori Ciampolillo e Nencini), come previsto e come già successo alla Camera i parlamentari di Italia Viva si sono astenuti. La maggioranza assoluta al Senato era fissata a quota 161. Il presidente del Consiglio raccoglie il risultato positivo in entrambe le Camere, anche se gli astenuti pesano tantissimo sul futuro del Governo. Il Conte bis va avanti e supera la crisi aperta da Matteo Renzi e Italia Viva la scorsa settimana. Ora bisognerà capire se ci sarà un rimpasto nell'esecutivo o si andrà avanti con questa formazione.

Dunque si chiude così, almeno per ora, la crisi di Governo aperta da Matteo Renzi e da Italia Viva. Dopo settimane di tensione altissima nella maggioranza, il senatore fiorentino ha deciso di aprire la crisi. Prima l'astensione delle ministre Bellanova e Bonetti sul Recovery plan, pur modificato per venire incontro alle richieste di Italia Viva. Poi le dimissioni ufficiali delle ministre e del sottosegretario Scalfarotto, i tre renziani nel Governo.

Si è aperta una vera e propria crisi che, dopo una giornata di riflessioni, Conte, dopo un ulteriore colloquio con Mattarella, ha deciso di parlamentarizzare. Così ieri Conte è andato alla Camera dei deputati, dove ha chiesto la fiducia, che gli è stata accordata con 321 sì, oltre la maggioranza assoluta fissata a quota 316. Nel suo discorso, tenuto ieri a Montecitorio e ripetuto oggi a Palazzo Madama, Conte ha attaccato duramente Italia Viva: "Grave gesto di irresponsabilità", ha detto il presidente del Consiglio rivolgendosi a Renzi e ai suoi.

44.418 CONDIVISIONI
343 contenuti su questa storia
Le notizie del 23 luglio sulla crisi del governo Draghi
Le notizie del 23 luglio sulla crisi del governo Draghi
Cannabis, salario minimo, aiuti: quali provvedimenti saltano con la crisi di governo e quali no
Cannabis, salario minimo, aiuti: quali provvedimenti saltano con la crisi di governo e quali no
Delmastro (Fdi) a Fanpage:
Delmastro (Fdi) a Fanpage: "Noi dalla parte dell'Ucraina, Putin festeggia quando il popolo non vota"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni