584 CONDIVISIONI
Covid 19
27 Giugno 2021
15:23

Il generale Figliuolo ammette: “Su AstraZeneca e mix vaccinale governo poteva comunicare meglio”

Il generale Figliuolo ha ammesso che gli errori comunicativi del governo su vaccinazione eterologa e sulla somministrazione del siero di AstraZeneca: “Probabilmente si poteva comunicare meglio”. Ma “Va detto che ci sono delle giustificazioni anche perché su AstraZeneca ci sono state oltre 10 indicazioni diverse nel tempo ma questo è figlio di un virus che è mutevole, di un rapporto rischi-benefici che cambia nel tempo”.
A cura di Annalisa Cangemi
584 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il generale Francesco Paolo Figliuolo ammette che sul piano della comunicazione ci sono state delle falle sull'utilizzo del vaccinto anti-Covid di AstraZeneca: "Io devo dire che nonostante tutto i nostri cittadini hanno dimostrato di essere migliori di tutta questa confusione che si è creata. Va detto che ci sono delle giustificazioni anche perché su AstraZeneca ci sono state oltre 10 indicazioni diverse nel tempo ma questo è figlio di un virus che è mutevole, di un rapporto rischi-benefici che cambia nel tempo e di quello che fa la farmacovigilanza sia nel mondo, si in Europa, sia in Italia", ha detto il commissario straordinario all'emergenza coronavirus, intervenendo a ‘Domenica In' su Raiuno'.

"Probabilmente si poteva comunicare meglio", ha detto a proposito della vaccinazione eterologa, cioè il mix di vaccini per gli under 60 che avevano ricevuto la prima dose di AstraZeneca. "Ora continuiamo con le seconde dosi di AstraZeneca sopra i 60 anni, mentre sotto i 60 anni si fa la cosiddetta eterologa", ha aggiunto.

"Ho fatto la seconda dose con Astrazeneca, proprio il giorno prima che entrasse in vigore l'eterologa, ma ho detto ‘voglio fare Astrazeneca'. I miei 2 figli, poco più che trentenni, hanno fatto uno Astrazeneca, solo una dose perché era reduce dal Covid anche in forma abbastanza seria, l'altro J&J. Quelle erano le regole e noi cerchiamo di applicarle innanzitutto coerentemente in famiglia. Io non ho avuto nessun disturbo, mia moglie ha fatto Pfizer e qualche disturbo specie dopo la prima dose l'ha avuto". 

Il commissario ha rivolto un invito anche ai giovani: "Devono riappropriarsi della propria socialità e della propria libertà. La vaccinazione per loro è un atto di grande consapevolezza e responsabilità. Perché mettendosi a riparo, si limita la circolazione del virus e delle varianti, e alla fine si mettono al riparo le classi più anziane, le nostre radici. Quindi devono continuare a vaccinarsi, soprattutto fare anche la seconda dose".

"I giovani devono poter tornare in discoteca con atteggiamento responsabile e con il green pass", ha aggiunto, parlando del via libera alle discoteche all'aperto in zona bianca, per le quali a giorni il governo annuncerà una data per la ripartenza.

Vaccini per i 12-16enni

Secondo il commissario all'emergenza vaccinare la fascia più giovane della popolazione è importante anche in vista della riapertura delle scuole. A chi ha dubbi sulla vaccinazione degli adolescenti Figliuolo ha ricordato che "la Federazione italiana pediatri ne ha messo in evidenza l'importanza e la sicurezza. È chiaro che noi ci affidiamo alla scienza, il professor Vaia e il viceministro Sileri potranno essere più chiari di me, ma ho sentito anche parole incoraggianti dal professor Locatelli, insigne pediatra, che dice che ora i benefici sono molto maggiori dei rischi".

Vaccini a over 60

"Mancano da vaccinare 2,6 mln di over 60. In campo ci sono oltre 50 team mobili della Difesa che stanno battendo i paesini più isolati. Tra gli over 70 i vaccinati sono l'87% e bisogna migliorare mentre mancano solo 350mila over 80, siamo quasi al 97%'‘, ha spiegato il commissario all'emergenza.

A fine settembre immunità di gregge

Secondo Figliuolo sarà possibile raggiungere l'immunità di gregge entro fine settembre: "Parliamo dell'80% della platea, quindi circa 54,1 milioni di cittadini. Sono convinto che entro fine settembre raggiungeremo l'immunità di gregge". 

"Però bisogna continuare a vaccinarci, perché l'esperienza dice che si arriva a un certo punto e poi si fa fatica a trovare i vaccinanti. I vaccini ce li abbiamo, noi avremo a luglio poco meno della stessa quantità di giugno di vaccini a Rna. È chiaro che se consideriamo i 4 tipi di vaccino ne avremmo di più, ma attualmente su Astrazeneca e J&J ci sono grandi limitazioni".

Stato d'emergenza termina a fine luglio

"Credo che un po' ancora la struttura commissariale andrà avanti. Lo stato d'emergenza teoricamente finisce a fine luglio però penso che il governo sia molto cauto. Finché c'è bisogno la struttura c'è e io sono a disposizione dell'Italia", ha detto Figliuolo.

584 CONDIVISIONI
32157 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni