Ddl Zan, ultime notizie sul disegno di legge
6 Luglio 2021
22:31

Il disegno di legge Zan ha i numeri per passare in Senato?

Il disegno di legge Zan contro l’omotransfobia arriverà in Senato il prossimo 13 luglio, dopo essere stato approvato alla Camera lo scorso novembre. Nulla è ancora deciso e con il voto a scrutinio segreto potrebbero anche esserci delle sorprese. Saranno ad ogni modo decisivi i 17 voti dei senatori di Italia Viva. Vediamo un po’ cosa dicono per ora i numeri.
A cura di Annalisa Girardi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ddl Zan, ultime notizie sul disegno di legge

Il ddl Zan arriverà nell'Aula del Senato il prossimo 13 luglio, dopo mesi di stallo. Oggi in un vertice di maggioranza a Palazzo Madama l'ultimo tentativo di trovare un'intesa tra le forze politiche è finito in un nulla di fatto. Tutto si deciderà tra una settimana esatta e non è affatto scontato come finirà: il voto in Aula sarà infatti a scrutinio segreto e potrebbero esserci delle sorprese. Lo scorso 4 novembre, quando era in carica il governo giallorosso, la Camera ha approvato il disegno di legge contro l'omotransfobia con 265 voti favorevoli, 193 contrari e un astenuto. Ora, al Senato, saranno fondamentali (in un senso o nell'altro) i 17 voti di Italia Viva, ma non è ancora chiaro come potrebbero votare i senatori renziani.

Senza questi voti, difficilmente il ddl passerà. Al momento dovrebbe contare solo sui 75 senatori del Movimento Cinque Stelle, i 38 del Partito democratico, i 6 di Liberi e Uguali e poi un'altra quindicina tra gruppo Misto e Autonomie. "La legge Zan così com'è potrebbe passare, ma rischia di non farcela perché c'è lo scrutinio segreto, e a scrutinio segreto molti potrebbero non votarla", ha commentato Matteo Renzi. Non è chiaro, quindi, come si comporteranno i senatori di Italia Viva, anche se, come ha ricordato lo stesso Renzi, alla Camera il gruppo ha votato a favore. Sempre alla Camera, anche alcuni deputati di Forza Italia hanno votato in modo favorevole, in dissenso dal resto degli azzurri.

Tra i berlusconiani c'è già chi ha detto che voterà a favore. Si tratta della senatrice Barbara Masini, che in un'intervista con Repubblica ha commentato: "Ho una compagna, ma non mi batto a favore del ddl Zan mossa da ragioni personali. La mia è una battaglia di giustizia e libertà. Non capisco perché un omosessuale non dovrebbe sentirsi rappresentato da un partito di destra e soprattutto da un partito liberale come Forza Italia".

Ad ogni modo, i voti contrari dovrebbero essere circa 50 da Forza Italia, 20 da Fratelli d'Italia, 64 dalla Lega e altri 7 dai cattolici. Che portano il numero di voti sfavorevoli praticamente alla stessa quota di quelli per il ddl Zan. Rimangono quindi fondamentali i voti di Italia Viva, che saranno decisivi o per approvare il disegno di legge, o per affossarlo.

Ddl Zan, la provocazione di FdI: chiede di votarlo subito, per il Pd è un "tranello per affossarlo"
Ddl Zan, la provocazione di FdI: chiede di votarlo subito, per il Pd è un "tranello per affossarlo"
Zan attacca il leghista che bacia un uomo a Mykonos, Spirlì: "Si impiccia della vita privata altrui"
Zan attacca il leghista che bacia un uomo a Mykonos, Spirlì: "Si impiccia della vita privata altrui"
Ddl Zan rinviato ancora: la legge contro l'omofobia si discuterà dopo le amministrative
Ddl Zan rinviato ancora: la legge contro l'omofobia si discuterà dopo le amministrative
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni