50 CONDIVISIONI

Il centrodestra non ha ancora deciso cosa vuole fare con il Mes

Il Mes è tornato al centro della polemica perché dovrebbe essere discusso alla Camera, ma il capogruppo della Lega Molinari ha già detto che non succederà. Il ministro Fitto frena: “Vediamo cosa succede al Consiglio Ue”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Tommaso Coluzzi
50 CONDIVISIONI
Immagine

La discussione sul Mes, probabilmente, non finirà mai. Il gioco dell'Italia è chiaro ormai da tempo, ma non sembra dare particolari frutti. Siamo l'ultimo Paese rimasto a dover ratificare il Meccanismo europeo di stabilità, ma il governo Meloni ha intenzione – in sostanza – di utilizzare questo passaggio parlamentare a suo vantaggio. Il centrodestra è convinto che il Mes debba essere parte di una trattativa più ampia con l'Unione europea, in cui il piatto principale è la ridiscussione del patto di stabilità. Il problema è che, nel frattempo, non c'è particolare unità nel centrodestra rispetto al destino del Mes.

La giornata si è aperta con le parole del ministro Tajani, che è anche leader di Forza Italia, a Quotidiano Nazionale: "Eravamo favorevoli all'utilizzo del Mes sanitario all'epoca e lo siamo oggi – ha ricordato il vicepresidente del Consiglio, sottolineando come il suo partito avesse una visione diversa dal resto della maggioranza – Ma siamo sempre stati perplessi e critici sul regolamento del meccanismo in nome di una visione europeista. A decidere sarà il Parlamento. Da parte di FI non ci sono veti. Ma non si può approvare il Mes perché fa comodo a alcuni Paesi e bloccare l'Unione bancaria o anche l'armonizzazione fiscale. Dunque, va bene il Mes, ma prima vengono altre cose che per me sono anche più rilevanti".

Forza Italia, d'altronde, ha una posizione molto più morbida degli altri partiti. Una postura su cui si sta pian piano assestando anche Fratelli d'Italia, in virtù della svolta dialogante di Meloni. Discorso diverso per la Lega, che era e resta contraria e vorrebbe opporsi definitivamente alla rateizzazione a prescindere dalle trattative: "Il patto di stabilità è lontano dall'essere concluso, e anzi vi do una notizia – ha detto il capogruppo del Carroccio alla Camera, Riccardo Molinari, su Radio24 – penso proprio che il 14 dicembre non discuteremo di Mes. Il ministro Giorgetti ha fatto giustamente presente che è in calendario ma esistono provvedimenti che vengono prima". Poi ha chiarito: "La posizione della Lega è nota, pensiamo sia uno strumento superato ma aspetteremo di capire le indicazioni della Meloni in merito".

A Molinari, ha risposto a stretto giro il ministro Fitto, che ha provato a gettare acqua sul fuoco: "Il Mes è un pezzo di ragionamento ampio, andrei per ordine, vediamo in questo Consiglio Ue cosa si definisce – ha detto il titolare degli Affari europei su Rai 3 – non può essere visto in modo autonomo. Il Consiglio Ue deve affrontare le modifiche del bilancio Ue, e dossier rilevantissimi. Abbiamo la trattativa sul patto di stabilità, le cose vanno raccordate. Pensare che ci sia una discussione a parte che non tenga conto di queste due cose non ci convince".

50 CONDIVISIONI
Rottamazione quater delle cartelle, il centrodestra vuole spostare ancora le scadenze per le rate
Rottamazione quater delle cartelle, il centrodestra vuole spostare ancora le scadenze per le rate
Cosa ha deciso l'Ue sul reato di stupro e cosa cambia con la nuova direttiva
Cosa ha deciso l'Ue sul reato di stupro e cosa cambia con la nuova direttiva
Protesta trattori, Lollobrigida contro Salvini: "Chiede di fare di più? In Cdm non ha mai protestato"
Protesta trattori, Lollobrigida contro Salvini: "Chiede di fare di più? In Cdm non ha mai protestato"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni