330 CONDIVISIONI
27 Settembre 2021
12:39

Green pass sul lavoro, le faq del governo sulle sanzioni: cosa rischia chi è senza

Dal 15 ottobre i lavoratori saranno obbligati a esibire il green pass per effetto dell’ultimo decreto del governo, sia nel pubblico che nel privato, pena il mancato pagamento dello stipendio e una sanzione salata. Ma a rischiare sono anche i datori di lavoro, che hanno il compito di controllare – anche se a campione – e di individuare una figura responsabile delle verifiche.
A cura di Tommaso Coluzzi
330 CONDIVISIONI

Il 15 ottobre entrerà in vigore il green pass obbligatorio in tutti i luoghi di lavoro, sia pubblici che privati. Per rispondere alle domande più frequenti dei cittadini, dopo l'ultimo decreto varato, il governo ha aggiunto alcune faq nella sezione relativa alla certificazione verde, per spiegare chi dovrà controllare, cosa succederà a chi non ha il green pass e quali possono essere le sanzioni sia per i lavoratori che per gli imprenditori. Mentre continua la corsa alla vaccinazione, con la somministrazione delle prime dosi che è tornata a viaggiare a un ritmo sostenuto, si avvicina il giorno in cui, per accedere al posto di lavoro, bisognerà esibire il green pass. Le modalità per ottenerlo sono sempre le stesse: vaccino, guarigione dal Covid o tampone negativo.

Quali sono le sanzioni per i lavoratori che non hanno il green pass

Il decreto legge che inserisce l'obbligo di green pass per i lavoratori a partire dal 15 ottobre prevede assenza ingiustificata e mancato pagamento dello stipendio per chi non lo ha. In pratica chi si presenta al lavoro senza la certificazione verde si vedrà decurtato lo stipendio e quella giornata verrà considerata come se non ci si fosse presentati. Inoltre, nel caso in cui si entri in ufficio o sul posto di lavoro senza green pass, può scattare una sanzione che va dai 600 ai 1.500 euro.

I rischi per gli imprenditori che hanno l'obbligo di controllare

A verificare che i lavoratori abbiano il green pass devono essere le aziende, che dovranno individuare un responsabile del controllo. Se non viene rispettata la norma e non vengono effettuate le verifiche gli imprenditori rischiano una sanzione tra i 400 e i 1.000 euro. Su questo punto, però, è già arrivato un ulteriore chiarimento del governo: "In caso di accertamento da parte delle autorità, se un dipendente viene trovato senza green pass, nulla può essere contestato all’azienda se i controlli a campione sono stati effettuati nel rispetto di adeguati modelli organizzativi". Insomma, c'è un protocollo da rispettare per quanto riguarda i controlli a campione. Se le aziende lo seguissero ma, nel corso di un controllo delle forze dell'ordine o degli ispettori del lavoro, alcuni dipendenti risultassero sprovvisti di green pass, non ci sarebbe nessuna conseguenza per gli imprenditori "a condizione che i controlli siano stati effettuati nel rispetto di adeguati modelli organizzativi come previsto dal decreto legge 127 del 2021".

330 CONDIVISIONI
Green pass obbligatorio dal 15 ottobre al lavoro, le regole sui controlli nella Faq del Dpcm
Green pass obbligatorio dal 15 ottobre al lavoro, le regole sui controlli nella Faq del Dpcm
Come verrà controllato il Green Pass sul luogo di lavoro: le Faq del governo
Come verrà controllato il Green Pass sul luogo di lavoro: le Faq del governo
Dpcm Green Pass, cosa rischia chi non controlla: sanzioni da 400 a 1000 euro per il datore di lavoro
Dpcm Green Pass, cosa rischia chi non controlla: sanzioni da 400 a 1000 euro per il datore di lavoro
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni