Elezioni regionali Calabria 2020
20 Dicembre 2019
21:42

Elezioni Calabria, Mario Occhiuto si candida a governatore: cdx spaccato, FI punta su Santelli

Il centrodestra si spacca in Calabria: il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto (FI) ha annunciato che correrà per la poltrona di governatore. Ieri Forza Italia aveva annunciato la candidatura di Jole Santelli, braccio destro di Occhiuto e suo braccio destro in Comune: “Forza Italia ha ceduto alla fine alla Lega di Salvini il diritto di scelta del proprio candidato e quindi praticamente ha abdicato al suo ruolo di forza politica autonoma e indipendente. Non esiste più Forza Italia, esiste solo la Lega”.
A cura di Annalisa Cangemi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni regionali Calabria 2020

Mario Occhiuto ha sciolto la riserva e ha annunciato all'Ansa la candidatura a governatore della Calabria. "Siamo stati trattati molto male. Jole (Santelli ndr) – ha detto Occhiuto – non mi aveva neanche avvisato che avrebbe potuto sostituirsi a me. Anzi, subito dopo la sua designazione mi ha telefonato per dirmi che potevo considerarmi ‘libero'. Devo ammettere invece che Berlusconi mi ha difeso sinceramente e tantissimo e credeva in me. Lo stimo e l'ho sempre ammirato. Alla fine ha dovuto scegliere tra me e la Lega e ha scelto la Lega".

Al momento sono tre le liste che sosterranno il sindaco di Cosenza, che correrà in contrapposizione al suo ex braccio destro in Comune Jole Santelli, suo vicesindaco e assessore alla cultura, che ha rassegnato le dimissioni a inizio dicembre e ieri è stata scelta per rappresentare il centrodestra unito con Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia. "E pensare – ha aggiunto Occhiuto – che per più due anni ha condiviso il mio progetto innovativo per la Calabria e che ha sempre sostenuto che sarei stato l'unica speranza per la Calabria. Non c'è limite al tradimento, e in questa occasione ne sto verificando l'amarezza osservando i comportamenti di tanti che erano sempre intorno a me. Ma questa è la vita, figuriamoci la politica. Ora Jole cosa farà? Proporrà ai calabresi il mio programma?". 

Ieri il 55enne di Forza Italia, in un lungo post su Facebook, rivolgendosi ai suoi elettori, si era detto amareggiato, per la scelta del candidato espresso dal centrodestra: "Le battaglie si vincono o si perdono; e io la mia l’ho perduta. Sono scesi in campo tutti i poteri più forti per farmi fuori, e in questi ultimi mesi vi dico che me ne hanno fatte veramente di tutti i colori. I partiti hanno fatto a tavolino le loro scelte per le prossime elezioni regionali con le solite logiche, legate solo ai propri interessi, che nulla hanno a che vedere con il futuro della Calabria. Ed io ovviamente secondo queste logiche non potevo che essere escluso".

Secondo lui il motivo della sua esclusione era stata la sua eccessiva "autonomia", che avrebbe fatto di lui un candidato troppo forte: "Forza Italia ha ceduto alla fine alla Lega di Salvini il diritto di scelta del proprio candidato e quindi praticamente ha abdicato al suo ruolo di forza politica autonoma e indipendente. Praticamente -e mi dispiace dirlo- ha abdicato a se stessa, alla sua esistenza. Non esiste più Forza Italia, esiste solo la Lega. Era già così da un po’ di tempo nel Nord Italia, e adesso il tentativo della Lega è quello di colonizzare anche il Sud"

"Io insieme a tante altre persone desiderose di cambiamento per la Calabria avevamo già messo in campo un progetto politico innovativo appellandoci alle forze civiche, ai tanti giovani che sperano in un futuro migliore e anche ai partiti. Un progetto che adesso dobbiamo decidere insieme se e come portare avanti; un progetto oggi aperto a possibili alleanze strategiche per la Calabria; un progetto senza uno schieramento di partiti, ma che rimane sempre meglio degli schieramenti che si presentano senza un progetto. La forza per realizzarlo è a questo punto solo nelle mani dei calabresi, dei tanti giovani che aspirano ad una Calabria più innovativa e più ricca di opportunità", aveva aggiunto.

Poco dopo il coordinatore regionale della Lega in Calabria Cristian Invernizzi aveva commentato così la scelta di Santelli: "Prendiamo atto della scelta di Forza Italia di indicare Jole Santelli a candidata di coalizione alla Presidenza della Regione Calabria. Accettiamo la candidatura e siamo pronti ad iniziare la campagna elettorale concentrandoci unicamente sul futuro dei calabresi". 

24 contenuti su questa storia
Elezioni regionali, l'analisi sociale di Swg: come hanno votato donne, giovani e ceti bassi?
Elezioni regionali, l'analisi sociale di Swg: come hanno votato donne, giovani e ceti bassi?
Elezioni regionali, candidato leghista che salutava
Elezioni regionali, candidato leghista che salutava "amici della chat revenge porn" non viene eletto
Elezioni regionali Calabria, i risultati definitivi: trionfa il centrodestra, Santelli presidente
Elezioni regionali Calabria, i risultati definitivi: trionfa il centrodestra, Santelli presidente
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni