43 CONDIVISIONI

E-lezioni amministrative 2012: è Leoluca Orlando il candidato sindaco più amato sui social media

Terminata la campagna elettorale, osserviamo la classifica per likes e followers dei candidati a sindaco dei principali comuni al voto.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Salvatore Mammone
43 CONDIVISIONI
amministrative-2012

In attesa dei risultati reali del 6 e 7 maggio, tiriamo le somme della campagna elettorale appena terminata, ordinando i candidati delle principali città per numero di likes sulla Pagina Facebook e di followers su Twitter.
Con una Pagina creata da poco più di un mese e un account Twitter attivo solo da gennaio, Leoluca Orlando completa la sua rincorsa sugli altri candidati e supera tutti su entrambe le piattaforme.
Il grafico che segue è interattivo e, ordinando i candidati per numero di likes, si può notare come sia il sud a farla da padrone: tra i primi cinque candidati, due sono di Palermo, due di Taranto e uno di Lecce.
Osservando i dati di Twitter, invece, si può notare l’elevato numero di followers tra i candidati di Palermo, che occupano ben cinque posizioni tra le prime dieci. Tra questi, Orlando e Ferrandelli – possibili sfidanti in un eventuale ballottaggio – occupano i primi due posti.
Uno dei sindaci più popolari d’Italia, Flavio Tosi, chiude la campagna elettorale con 400 likes e senza un account Twitter.

I candidati su Facebook: likes e followers a confronto.

Sheet 1

I dati sono stati rilevati il 4 maggio.

43 CONDIVISIONI
Elezioni Sardegna 2024, i risultati definitivi: Alessandra Todde vince con il 45,3% delle preferenze, Truzzu secondo con il 45%
Elezioni Sardegna 2024, i risultati definitivi: Alessandra Todde vince con il 45,3% delle preferenze, Truzzu secondo con il 45%
Seggi chiusi per le regionali in Sardegna 2024: affluenza definitiva oltre il 52%
Seggi chiusi per le regionali in Sardegna 2024: affluenza definitiva oltre il 52%
Conte attacca Sgarbi: "Doveva dimettersi prima". La replica: "Lui leader per sbaglio e senza merito"
Conte attacca Sgarbi: "Doveva dimettersi prima". La replica: "Lui leader per sbaglio e senza merito"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views