video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Di cosa discuterà domani il Consiglio europeo, dalla risposta alla Russia alla crisi energetica

A ormai un mese dall’invasione dell’Ucraina, il Consiglio europeo si riunirà tra domani e venerdì per discutere delle conseguenze della guerra tra Mosca e Kiev, della crisi energetica della sicurezza comune. Parteciperà anche il presidente USA Joe Biden.
A cura di Annalisa Girardi
117 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Domani il Consiglio europeo si riunirà nuovamente per discutere della risposta comune alla Russia, a ormai un mese dall'invasione dell'Ucraina, e delle molteplici conseguenze della guerra, dalla crisi energetica agli assunti di difesa comune. Questa volta parteciperà anche il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, con cui i capi di Stato e di governo Ue parleranno di come sostenere l'Ucraina e dl rafforzamento della cooperazione transatlantica.

Questa mattina il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha informato il Parlamento sui temi che verranno discussi domani e sulle posizioni che terrà il nostro Paese. "La comunità euroatlantica ribadirà l'unità e il sostegno all'Ucraina, un impegno comune per tutelare pace, sicurezza e democrazia. Davanti agli orrori della guerra l'Italia lavora con determinazione insieme a tutta la comunità internazionale per la cessazione delle ostilità. Siamo impegnati per organizzare tregue umanitarie localizzate".

Il Consiglio europeo, quindi, discuterà di come mantenere l'impegno nei confronti dell'Ucraina e della popolazione ucraina: nello specifico, si legge in una nota, di come "fornire in modo coordinato sostegno politico, finanziario, materiale e umanitario, come anche sostegno alla ricostruzione di un'Ucraina democratica". I leader europei insieme a Biden parleranno anche di come è cambiato il quadro della sicurezza e difesa alla luce della guerra in Ucraina: "I leader dell'UE discuteranno di come consentire all'UE di agire in modo più rapido e deciso davanti alle crisi, preservando nel contempo i suoi interessi e proteggendo i cittadini. Discuteranno inoltre degli investimenti in materia di difesa e degli strumenti di finanziamento. Il Consiglio europeo dovrebbe avallare la bussola strategica, un'iniziativa intesa a rafforzare le politiche dell'Unione in materia di sicurezza e difesa riguardo ai temi della gestione delle crisi, delle capacità di difesa, della resilienza e dei partenariati", si legge ancora.

Ma, come abbiamo detto, si parlerà anche della questione energetica e di come "affrancarsi gradualmente, quanto prima, dalla dipendenza dalle importazioni di gas, petrolio e carbone russi", In questo senso si farà il punto sugli elevati prezzi dell'energia e del loro impatto su cittadini e imprese. La Commissione Ue, in questo contesto, dovrebbe avanzare una serie di proposte per "garantire prezzi dell'energia accessibili e la sicurezza dell'approvvigionamento". La discussione dovrà essere inserita nel più ampio contesto della situazione economica generale, già messa a dura prova da due anni di pandemia. Il focus centrale riguarderà sempre la riduzione della dipendenza europea in settori strategici e sensibili, quali quello delle materie prime e quello digitale, per esempio.

E infine, per quanto riguarda la pandemia, i leader europei e Biden discuteranno della risposta a questa fase dell'emergenza, facendo il punto "sulla cooperazione internazionale in materia di governance sanitaria globale e solidarietà, anche attraverso la diffusione dei vaccini", ma anche preparando un futuro strumento di prevenzione e di risposta alle pandemie.

117 CONDIVISIONI
4343 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views