338 CONDIVISIONI
20 Luglio 2021
13:22

Ddl Zan, strada in salita: 700 emendamenti presentati da Lega, esame rischia di slittare a settembre

Pioggia di emendamenti sul ddl Zan: circa 700 richieste di modifiche da parte della Lega e 127 presentate da Fratelli d’Italia. “Chiaro tentativo di affossare la legge. Altro che volontà di dialogo e mediazione. Salvini sui diritti conferma di avere la stessa linea di Orban”, commenta il deputato Alessandro Zan.
A cura di Annalisa Cangemi
338 CONDIVISIONI

L'iter per l'approvazione del ddl Zan è un campo minato. Alle 12 è scaduto il termine per la presentazione degli emendamenti al ddl Zan contro l'omofobia: sono oltre mille in tutto. L'esame del testo sempre di più di slittare a settembre, non solo perché dal Partito Democratico lasciano filtrare un'indisponibilità a trattare per arrivare a un testo di mediazione, che vada bene anche alla Lega e a quanti nel centrodestra sono contrari alla legge così come è. Il tempo a disposizione prima della pausa estiva è poco: il Senato è infatti chiamato ad approvare la conversione in legge di due decreti in scadenza, il sostegni bis che scade il 24 luglio e il semplificazioni che scade il 30. Prima delle vacanze vanno licenziati anche il decreto assunzioni nella Pa e il decreto cybericurezza.

A pesare oggi soprattutto è la pioggia di richieste di modifica, arrivate dal Carroccio: sono circa 700 gli emendamenti presentati dalla Lega. Oltre a quelli del partito, ci sono anche un'altra ventina di emendamenti presentati dal vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli.

Matteo Salvini del resto aveva avvisato Enrico Letta sabato: "Propongo a Enrico Letta, per l'ennesima volta, una mediazione come chiesto anche dalla Santa Sede. Vediamoci martedì, prima che il testo arrivi in Aula, per togliere i punti critici degli articoli 1, 4 e 7. Se Letta non accettasse, la legge Zan finirebbe male e tutta la responsabilità cadrebbe sulle spalle del Pd". E così Salvini ha scaricato preventivamente la ‘colpa' del fallimento della trattativa interamente sui dem. Il suo ritornello è sempre lo stesso: "Bisogna tenere quel che di buono contiene, quindi aumentare le pene per chi offende, aggredisce o insulta due ragazze o due ragazzi che hanno tutto il diritto di amarsi senza che nessuno si permetta di dire alcunché, togliendo però i i bambini dalla contesa politica, la teoria gender nelle scuole, Il bavaglio e la censura".

E invece oggi alle 16:30 inizia la discussione in Aula, e nessun punto di caduto è stato trovato. L'ostruzionismo era largamente prevedibile: la Lega può contare sull'opposizione del Psi, della senatrice Unterberger e di altri esponenti del Gruppo delle Autonomie; e naturalmente anche Fratelli d'Italia si trova da questa parte della barricata, con 127 gli emendamenti presentati in aula a Palazzo Madama. La tempistica dell'esame in Assemblea, che verrà definita a breve, è legata a filo doppio all'alto numero di emendamenti, che dovranno essere esaminato. Sarà comunque una nuova riunione della Conferenza dei capigruppo, tra oggi e domani, a stilare il nuovo calendario.

"I 700 emendamenti presentati dalla Lega al ddl Zan sono il chiaro tentativo di affossare la legge. Altro che volontà di dialogo e mediazione. Salvini sui diritti conferma di avere la stessa linea di Orban". commenta su Twitter Alessandro Zan.

Le posizioni dei principali partiti sono note. Se dal Nazareno la linea ufficiale è ‘nessun negoziato', l'ex presidente del Consiglio Conte è arrivato sul filo di lana: "Noi la appoggiamo", ha detto riferendosi alla legge. Pd e M5s non presenteranno emendamenti. La richiesta dei renziani rimane quella di trovare una mediazione sugli articoli 1, 4 e 7, i più controversi secondo i detrattori della legge: Italia Viva ha presentato 4 emendamenti di modifica solo su quei punti. "I voti non ci sono al momento, per me un compromesso è fattibile su tre articoli", ha ribadito il leader di Iv Matteo Renzi. Il Pd invece intende presentare degli ordini del giorno per fissare dei ‘paletti' sul tema dell'identità di genere.

338 CONDIVISIONI
Centrodestra annuncia centinaia di emendamenti al ddl Zan: testo probabilmente slitterà a settembre
Centrodestra annuncia centinaia di emendamenti al ddl Zan: testo probabilmente slitterà a settembre
Ddl Zan, Letta: "Con Lega mediazione impossibile". Salvini: "Pd usa i gay per battaglia ideologica"
Ddl Zan, Letta: "Con Lega mediazione impossibile". Salvini: "Pd usa i gay per battaglia ideologica"
Ddl Zan, Senato respinge pregiudiziali di incostituzionalità presentate da Lega e FdI con 136 no
Ddl Zan, Senato respinge pregiudiziali di incostituzionalità presentate da Lega e FdI con 136 no
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni