130 CONDIVISIONI
Opinioni
25 Novembre 2016
15:33

Dalla manovra spariscono 50 milioni di euro stanziati per curare i bimbi dell’Ilva

L’emendamento che stanziava 50 milioni di euro in deroga alla spesa sanitaria, ritenuto prioritario dal Governo Renzi, è sparito dalla Commissione bilancio della Camera durante la scorsa notte. Il presidente Boccia è furioso: “Ne chiederò conto è non farò sconti a nessuno”.
A cura di Charlotte Matteini
130 CONDIVISIONI
4bc29cdab7466c4bd8782484a7a8c52f_ilva__d_s_a0_produttiva_di_taranto___italy___25_dec

I cinquanta milioni di euro che erano stati messi a disposizione per affrontare l'emergenza sanitaria causata dalle emissioni dell'acciaieria Ilva di Taranto sono letteralmente spariti dalla manovra di bilancio. Volatilizzati, così, improvvisamente, senza alcuna ragione. I fondi erano stati inizialmente stanziati per finanziare le cure ai bambini residenti nei quartieri tarantini di Tamburi e Paolo VI, proprio a ridosso della fabbrica, dove i dati epidemiologici segnalano un aumento del tasso di mortalità e delle patologie respiratorie infantili. Il Governo si era non solo detto disponibile a provvedere a uno stanziamento, ma aveva anche sostenuto che quella spesa aveva carattere prioritario. Eppure, nonostante le promesse, l'emendamento è sparito durante la notte. Il presidente della Commissione bilancio della Camera, Francesco Boccia, del Partito Democratico, è furioso, ma interpellato sulla questione ha dichiarato di non essere a conoscenza della dinamica dei fatti: "Senza alcuna spiegazione, per quella spesa che avevamo concordato di mettere tra le priorità non c’era più il via libera di Palazzo Chigi. Ne chiederò conto è non farò sconti a nessuno", ha spiegato.

La norma introdotta nella manovra di bilancio che il parlamento si appresta a varare era stata accolta con grande plauso dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. "Eravamo d’accordo che tra le spese più importanti, oltre al centro meteo di Bologna o alla coppa del mondo di sci, ci fosse questa. L’impegno era stato sbandierato, soprattutto dal sottosegretario Claudio De Vincenti, e poi dal ministro Lorenzin. Non c’è’ tarantino che non lo sapesse", ha proseguito Boccia, cercando di spiegare per quale motivo questa inconsueta sparizione abbia scatenato un vero e proprio terremoto politico. "Avevo preparato io stesso l’emendamento. Non mi è stato detto perché non era stato inserito. L’unica risposta che ho avuto è che non era stato autorizzato da Palazzo Chigi", ha concluso.

Il Partito Democratico pugliese è sul piede di guerra e non si rassegna: "È sconcertante la bocciatura dell’emendamento per affrontare le criticità dell’apparato sanitario di Taranto. Si erano espressi a favore le comunità locali, consiglio regionale nella sua interezza, tutti i parlamentari della Puglia, il sottosegretario Vito De Filippo e soprattutto il ministro Lorenzin", ha spiegato il segretario regionale del Pd Marco Lacarra, annunciando proteste in sede istituzionale.

130 CONDIVISIONI
Milanese, classe 1987, da sempre appassionata di politica. Il mio morboso interesse per la materia affonda le sue radici nel lontano 1993, in piena Tangentopoli, grazie a (o per colpa di) mio padre, che al posto di farmi vedere i cartoni animati, mi iniziò al magico mondo delle meraviglie costringendomi a seguire estenuanti maratone politiche. Dopo un'adolescenza turbolenta da pasionaria di sinistra, a 19 anni circa ho cominciato a mettere in discussione le mie idee e con il tempo sono diventata una liberale, liberista e libertaria convinta.
Lotteria degli scontrini, primo maxipremio a Novara: spende cento euro e vince 5 milioni
Lotteria degli scontrini, primo maxipremio a Novara: spende cento euro e vince 5 milioni
Maxi sequestro di capi d'abbigliamento griffati contraffatti a Milano per un milione di euro
Maxi sequestro di capi d'abbigliamento griffati contraffatti a Milano per un milione di euro
Scoperto un tesoro da 5 milioni di euro in cantina: marito e moglie nascondono gioielli e lingotti d'oro
Scoperto un tesoro da 5 milioni di euro in cantina: marito e moglie nascondono gioielli e lingotti d'oro
36.787 di Giorgia Venturini
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni