Ddl Zan, ultime notizie sul disegno di legge
7 Luglio 2021
08:09

Cosa succede ora al ddl Zan: si vota al buio in Senato con maggioranza sul filo, Renzi sarà decisivo

Sul disegno di legge Zan non si è trovato l’accordo per una modifica, con Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Leu che hanno chiuso alle proposte di Lega e Italia Viva. Il ddl approderà in Aula così com’è il 13 luglio. Intanto Salvini ringrazia Renzi per la “mano tesa”, mentre il capogruppo di Italia Viva parla di “proposta saggia della Lega”. Ora tutto dipenderà dai renziani: i loro voti sono decisivi per spostare l’ago della bilancia sul sì o sul no.
A cura di Tommaso Coluzzi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ddl Zan, ultime notizie sul disegno di legge

Renzi e i suoi saranno decisivi per approvare il disegno di legge Zan. Nonostante il tentativo di mediazione, con il capogruppo di Italia Viva Davide Faraone che ieri difendeva a spada tratta Forza Italia e soprattutto la Lega per "non aver alzato un muro ideologico sul tema", non si è trovato un accordo tra i partiti. Ipotesi che sembrava comunque molto distante per la presa di posizione di Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Leu. Ora, quindi, si andrà a discutere il testo così com'è in Senato da martedì 13 luglio, poi si arriverà al voto (con scrutinio segreto). Ciò che Renzi dice essere lo scenario più pericoloso, invitando a non fidarsi quando non si tratta di voto palese. Presto si saprà chi avrà avuto ragione, ma i numeri meritano un approfondimento.

I numeri al Senato: perché tutto dipende da Renzi e Italia Viva

Il dibattito degli ultimi giorni si è concentrato principalmente sul botta e risposta tra Italia Viva e Partito Democratico, con l'antica rivalità tra Renzi e Letta a riaccendersi improvvisamente, anche se in un contesto completamente diverso. Mentre Renzi è riuscito a litigare anche con Chiara Ferragni, Letta lo invitava a prendersi le sue responsabilità. Il tentativo di mediazione del senatore toscano con le forze di centrodestra è apparso a molti più un tentativo di riposizionamento politico che un'apertura per arrivare ad un testo condiviso, basta vedere la proposta della Lega presentata da Ostellari, ma soprattutto l'ostruzionismo fatto negli ultimi mesi. Al Senato, però, la situazione è realmente in bilico. Certo, con il voto dei partiti che hanno permesso il passaggio (ampio) alla Camera dei deputati lo scorso anno non ci saranno problemi. Renzi è preoccupato che qualcuno da Pd e Movimento 5 Stelle si sfili grazie al voto segreto e affossi la legge. In verità, i più decisivi sembrano essere proprio i voti del suo gruppo: senza Italia Viva i sì dovrebbero essere circa 135/140, i no circa 140/145. La forbice è minima e Renzi conta su 17 voti (compreso il suo). In più non è detto che non arriveranno voti in dissenso anche da parte di senatori dei partiti di centrodestra, come successo alla Camera. Lo ha annunciato solo la senatrice azzurra Barbara Masini, spiegando, però, di non essere la sola.

Renzi ci prova, Salvini ringrazia: il piano (fallito) per cambiare il ddl Zan

Il tentativo di mediazione è andato avanti per ore, poi, verso le 18, lo strappo. Si andrà in Aula, ma da parte del centrodestra e di Italia Viva c'è grande insoddisfazione. "Abbiamo lavorato per un'intesa, la proposta di Ostellari era saggia", spiega Faraone. Da Salvini, invece, arriva un grande grazie a Matteo Renzi per "la sua mano tesa in questa trattativa", mentre il capogruppo leghista Romeo parla in Aula di "vendere più facilmente lo smalto nero agli uomini" in relazione al ddl Zan. Interviene anche la presidente del Senato Casellati, invitando a ripensare alla trattativa: "Il tema è andare in aula il 22 e non il 13 – ha detto – invito tutti a una riflessione perché non si dica che in quest'aula su un tema così importante noi rinunciamo al dialogo per una settimana". Certo, diciamo che non si tratta di una settimana, ma di sette mesi di ostruzionismo in commissione. Per essere precisi.

Ddl Zan, la provocazione di FdI: chiede di votarlo subito, per il Pd è un "tranello per affossarlo"
Ddl Zan, la provocazione di FdI: chiede di votarlo subito, per il Pd è un "tranello per affossarlo"
Zan attacca il leghista che bacia un uomo a Mykonos, Spirlì: "Si impiccia della vita privata altrui"
Zan attacca il leghista che bacia un uomo a Mykonos, Spirlì: "Si impiccia della vita privata altrui"
Ddl Zan rinviato ancora: la legge contro l'omofobia si discuterà dopo le amministrative
Ddl Zan rinviato ancora: la legge contro l'omofobia si discuterà dopo le amministrative
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni