16.375 CONDIVISIONI
Governo Draghi
13 Febbraio 2021
19:49

Conte lascia Palazzo Chigi: i dipendenti lo salutano con un lungo applauso dalle finestre

Giuseppe Conte lascia per l’ultima volta Palazzo Chigi dopo aver consegnato il timone del governo a Mario Draghi: i dipendenti della residenza del presidente del consiglio dei ministri gli tributano un lungo applauso spontaneo, e lui li ricambia. Ai cronisti e a Fanpage.it parla di una “grande esperienza” e di non aver alcun rammarico.
A cura di Giuseppe Cozzolino
16.375 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Governo Draghi

Nessun rammarico, ma una "grande esperienza" come capo del Governo. Giuseppe Conte lascia per l'ultima volta Palazzo Chigi e si congeda con poche lapidarie frasi ai cronisti presenti nel cortile dove l'ormai ex premier, assieme alla compagna, sale in automobile e lascia in maniera ufficiale il timone del governo a Mario Draghi. Ma dalle finestre, a salutarlo per l'ultima volta in qualità di rappresentante politico, ci sono tutti i dipendenti di Palazzo Chigi, che gli hanno tributato un grande applauso, al quale Conte ha risposto con un sorriso (nascosto dalla mascherina) ed un applauso verso i dipendenti stessi.

Una esperienza che, alla domanda di Fanpage.it, definisce "grande", chiusa quest'oggi al termine di una giornata "sobria ed efficace". E senza alcun rimpianto. "Mai rammarichi", ha spiegato ancora Giuseppe Conte, prima di congedarsi definitivamente da Palazzo Chigi. L'applauso dei dipendenti della residenza del presidente del consiglio non è casuale: il rapporto tra Conte e i lavoratori della residenza è sempre stato descritto come particolarmente sereno ed umano, come dimostra il gesto spontaneo degli stessi dipendenti.

"Sono grato a Voi cittadini per il sostegno e l'affetto che ho avvertito forti e sinceri in questi due anni e mezzo", ha poi aggiunto Giuseppe Conte sul proprio profilo Facebook qualche ora dopo, "La forza e il coraggio dimostrati dalla intera comunità nazionale soprattutto durante quest’ultimo anno di pandemia sono stati davvero incredibili: ci hanno dimostrato che ogni ostacolo, anche il più alto e insidioso, può essere superato", ha proseguito, "scacciando via le paure e i calcoli di convenienza, fidando nel coraggio dell’azione, nella determinazione dell’impegno, nell’etica della responsabilità. Da oggi non sono più Presidente del Consiglio", ha concluso Conte, "Torno a vestire i panni di semplice cittadino. Panni che in realtà ho cercato di non dismettere mai per non perdere il contatto con una realtà fatta di grandi e piccole sofferenze, di mille sacrifici ma anche di mille speranze che scandiscono la quotidianità di ogni cittadino".

16.375 CONDIVISIONI
263 contenuti su questa storia
Risoluzione Ucraina, stallo nella maggioranza: si litiga ancora su formula e armi
Risoluzione Ucraina, stallo nella maggioranza: si litiga ancora su formula e armi
Perché il 21 giugno è un giorno decisivo per il governo Draghi e cosa può accadere
Perché il 21 giugno è un giorno decisivo per il governo Draghi e cosa può accadere
I tifosi del governo Draghi sono peggio dei suoi sottosegretari
I tifosi del governo Draghi sono peggio dei suoi sottosegretari
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni