Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato nuovi ristori per coloro che saranno colpiti maggiormente dalle nuove misure anti-Covid in vigore dalla mezzanotte di oggi fino al 24 novembre. Lo ha fatto nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'ennesimo Dpcm che prevede, tra le altre cose, la chiusura di bar e ristoranti alle 18, compresi i festivi, ma anche di piscine, palestre, cinema, teatri e sale da concerto. Il premier ha sottolineato che queste misure economiche si vanno ad aggiungere a quelle già esistenti: "I ristori – ha spiegato – arriveranno direttamente sul conto corrente dei diretti interessati con bonifico bancario dell'Agenzia delle Entrate". I nuovi indennizzi sono tutti aggiuntivi a quelli già in vigore e confidiamo di andare in Gazzetta Ufficiale già martedì. Vediamo se il Cdm sarà lunedì o martedì". Non solo.

"Arriveranno nuovi contributi a fondo perduto – ha aggiunto il presidente del Consiglio da Palazzo Chigi -, ci saranno crediti di imposta, verrà cancellata la seconda rata Imu (la cui scadenza era prevista per il 16 dicembre), verrà confermata la cassa integrazione e ci sarà una nuova indennità mensile una tantum per i lavoratori stagionali del turismo, dello spettacolo e quelli intermittenti dello sport. Offriremo, inoltre, una ulteriore mensilità del reddito di emergenza e misure di sostegno per la filiera agroalimentare. In questo modo chi dovrà sospendere la propria attività potrà giovarsi di un sostegno economico per le prossime settimane". Conte ha infine sottolineato che non è previsto un nuovo scostamento di bilancio: "I conti della Nadef al momento direi che non vengono alterati. Non c'è necessità di alterare il quadro di finanza pubblica già approvato dal Parlamento. Se riusciremo a tenere la curva sotto controllo non vedo prospettive di fare nuovi scostamenti".

Il suo obiettivo, dunque, è quello di tutelare la salute e l'economia del Paese: "Ciò che ci ha spinto a intervenire così a breve è stata la riunione di venerdì con i dati elaborati dal Comitato tecnico scientifico. Abbiamo avuto un lungo confronto e i dati ci hanno indotto a intervenire. Faremo tutto ciò che è necessario per preservare salute e economia e arrivare sereni al Natale", ha concluso.