Prima le frasi sulla modella di colore che non può essere italiana in quanto non è bianca. Poi l’espulsione da parte del gruppo della Lega. Protagonista della vicenda è Daniele Beschin, consigliere leghista di Arzignano e coordinatore provinciale di Forza Nuova. Una storia che nasce in seguito alla copertina di Vogue Italia in cui posa Maty Fall Diba, 18 anni, nata in Senegal e trasferitasi a 9 anni in Italia, dove è cresciuta. A Chiampo, per l’esattezza, in provincia di Vicenza. Ha chiuso l’ultima sfilata di Valentino e poi è finita sulla copertina del numero di febbraio di Vogue, immortalata dal fotografo Paolo Roversi con la scritta Italia tra le braccia.

E proprio da questa scritta nasce la polemica, con le dichiarazioni di Beschin. Il consigliere comunale ha commentato sui social le parole del sindaco di Chiampo, Matteo Macilotti, che si era detto orgoglioso del traguardo raggiunto dalla giovane modella. Beschin commenta allora quel post su Facebook: “Una gran bella ragazza. Da lì a dire che è una bellezza tutta italiana ce ne passa”. Già, perché per lui “una chiampese doc è una ragazza solare, bianca”. Bianca, appunto. Non come Maty. E da qui nasce la polemica.

Le frasi di Beschin sotto al post del sindaco di Chiampo

Beschin scrive molti commenti sotto quel post. “Una gran bella ragazza dunque, meritevole di una copertina così importante, ma è una bellissima senegalese così come ci sono le bellissime ragazze italiane, svedesi, cinesi e brasiliane. Se una ragazza cinese con cittadinanza italiana è una bella ragazza, credo lei per prima, fiera delle proprie origini, avrebbe piacere di rivendicare la sua terra. Rinnovo i miei complimenti, ma caro Matteo stavolta hai toppato in pieno”, dice al sindaco. Poi ribadisce il concetto sulla bellezza italiana: “Ma che cazzo c'entra la bellezza tipica chiampese con questa? La bellissima mora non ha nulla di bellezza chiampese”. Poi, rispondendo a chi lo accusa di razzismo, cerca di spiegare: “È cittadina italiana, ma non ha la bellezza tipica nostrana dai”.

La Lega espelle Beschin dal gruppo consiliare

La Lega ha preso le distanze dalle parole di Beschin attraverso un comunicato della segreteria provinciale. E anche su Facebook ha annunciato l’espulsione di Beschin dal gruppo consiliare. “La Lega di Arzignano si dissocia totalmente dalla polemica apparsa nei social e nei giornali, e porge le più sentite scuse alla ragazza Maty Fall Diba. Condivide e accoglie senza indugio quanto dichiarato dal segretario provinciale Lega Matteo Celebron nella nota stampa odierna. Comunica che il consigliere Daniele Beschin, per effetto immediato, non farà più parte del gruppo consigliare Lega nord Arzignano”, si legge sul profilo della Lega di Arzignano.

La polemica politica

Nella polemica interviene anche il sottosegretario all’Interno, Achille Variati. “Non può esserci spazio per il razzismo nelle istituzioni della Repubblica italiana. Quella di Beschin è una posizione semplicemente, incontrovertibilmente, disgustosamente razzista. Che non possiamo accettare e che è incompatibile ile con la funzione pubblica di un consigliere comunale”. Critico anche il Pd, attraverso la deputata Alessia Rotta: “Invece di essere orgoglioso di una concittadina, Beschin esprime una posizione razzista che è incompatibile con la funzione pubblica che svolge. Tra l’altro la valle del Chiampo e l’impresa italiana sono cresciute anche grazie al contributo di questa bellissima ragazza italiana di origine senegalese”.