Boom di arrivi a Lampedusa. Nella maggiore delle Pelagie, si è registrata oggi nel giro di poche ore una raffica di sbarchi. Dopo il miglioramento delle condizioni meteo sono infatti ripresi gli approdi. Considerate anche le condizioni meteorologiche favorevoli, è probabile che vi siano altri sbarchi anche in tarda serata e durante la notte.

Già da questa mattina all'alba sono stati avvistati i primi migranti: una ventina gli eventi che hanno tenuto impegnati gli uomini delle forze dell'ordine nelle operazioni che hanno portato sull'isola più di 440 persone. Si tratta precisamente di 443 migranti, per la maggior parte tunisini, arrivati a bordo di 15 barchini. Ad intercettarli, portandoli al molo commerciale o al molo Favarolo, sono state le motovedette della Capitaneria di porto e della Guardia di finanza. I barchini trasportavano da un minimo di 9 ad un massimo di 55 persone. Fra loro c'erano anche donne e minori. Una delle imbarcazioni è riuscita ad arrivare direttamente sulla terraferma.

Tutti sono stati portati nell'hotspot, che era stato svuotato dopo gli sbarchi delle settimane scorse, quando il centro di contrada Imbriacola era arrivato al collasso con circa un migliaio di persone ospitate a fronte di una capienza di 192 posti.

Domani è attesa la nave quarantena Azzurra, mentre in rada c'è già la Snav Adriatica. Sulle due imbarcazioni i migranti dovranno  effettuare il periodo di sorveglianza sanitaria obbligatoria, e verranno portati a bordo man mano che arriverà l'esito dei tamponi ai quali verranno sottoposti.

Anche in Sardegna non si fermano gli sbarchi: complessivamente oggi hanno raggiunto l'isola 27 stranieri. Dopo gli undici migranti rintracciati a Sant'Antioco, nel pomeriggio si sono registrati altri arrivi nel Sud. Un barchino con a bordo tre persone è stato bloccato dalla Guardia di finanza mentre arrivava al porticciolo di Su Siccu a Cagliari. A capo Teulada altri 13 stranieri sono stati individuati dai carabinieri, mentre un altro barchino in serata è stato avvistato nei pressi della spiaggia di Pula. Sul posto ad attenderlo c'era la Capitaneria di porto. Tutti i migranti sanno trasferiti nel centro di accoglienza dove rimarranno in quarantena.