Arriva il sito web dedicato interamente all'app Immuni, il sistema ideato dal governo per tracciare i contatti tra le persone e in questo modo la diffusione del coronavirus nel Paese. "Ripartiamo insieme. Tornare a vivere normalmente è possibile. Immuni ci aiuta a farlo prima e senza rinunciare alla privacy", si legge nella homepage. Di seguito una breve spiegazione su che cosa sia Immuni, ora disponibile: "È un'app creata per aiutarci a combattere l'epidemia di COVID-19. L'app utilizza la tecnologia per avvertire gli utenti che hanno avuto un'esposizione a rischio, anche se sono asintomatici". Quindi l'invito a scaricare l'applicazione: tramite un pulsante presente sulla pagina web, infatti, si è reindirizzati direttamente agli store da cui è possibile fare il download.

Scorrendo verso il basso si legge ancora: "Gli utenti che vengono avvertiti dall’app di un possibile contagio possono isolarsi per evitare di contagiare altri. Così facendo, aiutano a contenere l'epidemia e a favorire un rapido ritorno alla normalità. Venendo informati tempestivamente, gli utenti possono contattare il proprio medico di medicina generale e ridurre così il rischio di complicanze". L'app, viene spiegato, funzionerà in questo modo: nel momento in cui viene rilevato un contatto con un utente risultato positivo al coronavirus, si riceverà una notifica in cui viene segnalato il potenziale rischio di contagio. 

"Grazie all’uso della tecnologia Bluetooth Low Energy, questo avviene senza raccogliere dati sull’identità o la posizione dell’utente", specifica il sito. E ancora: "Immuni è stata progettata e sviluppata ponendo grande attenzione alla tutela della privacy. I dati, raccolti e gestiti dal Ministero della Salute e da soggetti pubblici, sono salvati su server che si trovano in Italia. I dati e le connessioni dell'app con il server sono protetti". L'app non raccoglierà quindi una serie di dati fondamentali, quindi, come il nome e cognome, la data di nascita, il numero di telefono, l'indirizzo email, l'identità delle persone incontrare, la posizione e i movimenti. Infine, nel sito è presente una sezione con le domande frequenti in modo da rispondere ai dubbi dei cittadini.