498 CONDIVISIONI
Opinioni
Elezioni amministrative Napoli 2021
5 Agosto 2021
10:02

Il sogno di Vincenzo De Luca: una poltrona da politico a vita

Vincenzo De Luca vuole succedere a sé stesso: pensa a un terzo mandato da presidente della Regione Campania. Ma dopo mezzo secolo in politica dal Pci a oggi e migliaia di promesse a chiunque, cosa potrà mai dire fra quattro anni, Don Vincenzo, per continuare a tenere in mano le redini del potere?
A cura di Ciro Pellegrino
498 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni amministrative Napoli 2021

Vincenzo De Luca ha 72 anni. Quando terminerà questa legislatura alla Regione Campania ne avrà 76. Il suo primo incarico politico è stato nel 1975, la sua prima elezione (consiglio comunale di Salerno) nel 1990. Possiamo dire che entro questo quinquennio De Luca taglierà il traguardo del mezzo secolo in politica. Ha attraversato il blocco del muro di Berlino, il disfacimento del Pci, Tangentopoli, la crisi dei partiti e il populismo, costituendo e progressivamente accrescendo il proprio dominio, quasi feudale, in quel di Salerno. Di recente ha promosso i suoi figli, Piero, oggi deputato del Pd e Roberto, ex assessore comunale (papabile per un ritorno in giunta) a Salerno.

Tuttavia di andare in pensione De Luca non ha nemmeno l'idea: l'ex sindaco di Salerno oggi presidente della Giunta regionale della Campania ha intenzione di puntare al terzo mandato da governatore.  Per ora è impossibile: la legge elettorale regionale lo impedisce.  La Costituzione dice tuttavia che sono le Regioni a legiferare sul sistema elettorale. Dunque  De Luca non demorde e sogna di fare come in Regione Veneto, dove il terzo mandato esiste.  «È una linea già segnata da qualche altra Regione, entro l'anno lo faremo» ha fatto sapere Vicienzo.

Dieci anni anni di governo regionale, uno scranno da cui decidere anche delle sorti di Napoli (grande peso ha avuto nella decisione di candidare Gaetano Manfredi sindaco): ma è davvero possibile anche solo ipotizzarae tre lustri di deluchismo in Campania? Diceva Nikita Chrušcëv: «Gli uomini politici sono uguali dappertutto. Promettono di costruire un ponte anche dove non c’è un fiume». Ma quali e quante potranno mai essere le ulteriori promesse di De Luca quando sappiamo benissimo che i «miracoli in Campania» di cui va dicendo non sono mai avvenuti? Cosa potrà mai dire fra quattro anni per continuare a tenere in mano le redini del potere?

498 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
232 contenuti su questa storia
Dormire è impossibile: il racconto e la disperazione di chi vive al centro storico di Napoli
Dormire è impossibile: il racconto e la disperazione di chi vive al centro storico di Napoli
San Gennaro 2021, l'arcivescovo Battaglia: "Solo chi ama Napoli potrà amministrarla"
San Gennaro 2021, l'arcivescovo Battaglia: "Solo chi ama Napoli potrà amministrarla"
68.905 di Peppe Pace
Comunali Napoli, fuori anche la civica Catello Maresca: ora il centrodestra ha 4 liste in meno
Comunali Napoli, fuori anche la civica Catello Maresca: ora il centrodestra ha 4 liste in meno
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni