5.398 CONDIVISIONI
Opinioni
L'arte del pizzaiuolo napoletano patrimonio UNESCO
24 Giugno 2022
11:21

Tra Sorbillo e Briatore la difesa della pizza napoletana non è andata benissimo in tv da Vespa

Pure senza difensori d’ufficio la pizza partenopea si difende benissimo. I Briatori passano, lei resta.
5.398 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'arte del pizzaiuolo napoletano patrimonio UNESCO

Gino Sorbillo è uno dei pizzaiuoli napoletani più mediatici ed efficaci oltre che produttore di una delle pizze più buone di Napoli. Ieri sera, nel salotto di Bruno Vespa, quando si è trovato di faccia con Flavio Briatore non è stato capace di far valere non solo le ragioni del lavoro che da anni porta avanti ma anche quelle della sua impresa commerciale che dai vicoli del Decumano Maggiore di Napoli ora è diffusa in Italia e nel mondo.

E così, il re del lusso esibito con astice caviale e champagne è stato capace di gigioneggiare su un argomento di cui non capisce nulla e che sta cavalcando solo perché ha aperto una catena di locali. La pizza in mano a Briatore si spoglia di ogni poesia, di ogni tradizione, di ogni storia. Diventa solo scontrino, fatturato, denaro.

Bruno Vespa della sfida di ieri ne ha fatto un mini show, com'era logico aspettarsi: "Ma tu vulive ‘a pizza" cantata da Giorgio Gaber buonanina e abbiamo infine appreso la sua preferenza per la versione bianca con le alici. Nient'altro.

Una settimana di polemiche posson bastare. Nel frattempo sul lungomare Caracciolo di Napoli in questi stessi giorni si sono sfornate decine di migliaia di pizze al Pizza Village,  i ristoranti e le pizzerie partenopee hanno continuato a servire il prodotto che fanno da decenni secondo un'arte ritenuta dall'Unesco patrimonio immateriale dell'Umanità. Questo per dire che – pure senza difensori d'ufficio – la pizza partenopea si difende benissimo da qualche centinaio d'anni. I Briatori passano, lei resta.

5.398 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
L'ossessione di rendere la pizza un piatto di lusso: ce n'è una ricoperta d'oro, costa 99 euro ed è veneta
L'ossessione di rendere la pizza un piatto di lusso: ce n'è una ricoperta d'oro, costa 99 euro ed è veneta
Le vie della pizza sono infinite: ma quella con le fragole fa storcere il naso a molti
Le vie della pizza sono infinite: ma quella con le fragole fa storcere il naso a molti
Sulla pizza Briatore è stato sconfitto da fatti e ironia. Ma continua ad attaccare (grazie alla tv)
Sulla pizza Briatore è stato sconfitto da fatti e ironia. Ma continua ad attaccare (grazie alla tv)
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni