35 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Una strada dedicata ad Ayrton Senna a Scisciano, la città del suo bisnonno

A Scisciano, in provincia di Napoli, una strada intitolata ad Ayrton Senna: è l’idea del sindaco Ambrosino. Il bisnonno Luigi veniva infatti dal comune nolano.
A cura di Giuseppe Cozzolino
35 CONDIVISIONI
Ayrton Senna
Ayrton Senna

Una strada di Scisciano intitolata ad Ayrton Senna: è l'idea del primo cittadino, Antonio Gladenoro Clavino Ambrosino, per ricordare al mondo anche le origini del campione brasiliano, il cui bisnonno materno era originario proprio del comune alle porte di Napoli. Una storia che in pochi conoscono, in realtà, anche se il Brasile, esattamente come l'Argentina e gli Stati Uniti, sono tra i paesi americani con la più alta percentuale di immigrazione italiana di fine Ottocento. E dunque, non è difficile, consultando gli archivi, trovare una propria discendenza italiana diretta. E non soltanto meridionale: proprio il Brasile ha avuto la sua "fetta" di immigrati italiani più grande proveniente dal nord (oltre il 50%) e soprattutto provenienti dal Veneto (26,6% dei 4.734.494 immigrati totali dichiarati, un milione dei quali immigrati a fine Ottocento e un altro milione in appena 10 anni successivi). E di questa vasta popolazione italo-brasiliana, ce ne sono stati anche di illustrissimi, come ben quattro presidenti del Brasile: Pascoal Ranieri Mazzilli, Emílio Garrastazu Médici (che ne fu anche il dittatore), Itamar Franco e il più recente Jair Bolsonaro, quest'ultimo di origini padovane.

Ayrton Senna non fa eccezione: se i genitori Milton da Silva e Neide Johanna Senna sono brasiliani dalla nascita, la madre "tradisce" le chiare origini italiane. Il nonno materno di Ayrton, infatti, era João Senna (sposato con un'altra italiana, Marcellina Di Santoro), figlio di Luigi Sena, nato a Scisciano, nel napoletano, ed emigrato in Brasile a fine Ottocento. Sono anche tanti altri, nella linea genealogica di Ayrton Senna, gli italiani presenti, non solo per parte di madre ma anche di padre (i cui genitori erano toscani). Ma il bisnonno di Ayrton arrivato da Scisciano è colui che gli ha lasciato il cognome, seppur con una distorsione (la doppia enne) tipica della traslitterazione di nomi e cognomi italiani in altre lingue.

Luigi Sena, João Senna, Nilde Senna, Ayrton Senna. In quattro generazioni, il cognome divenne tra i più famosi al mondo, grazie all'epopea automobilistica di Ayrton, nome di origine inglese (Ayrton, letteralmente è "città sul fiume Aire") che oggi è diffuso ovunque, ed ovviamente in primis in Brasile dove "Magic", come era chiamato, è considerato ancora oggi una icona assoluta dell'intera nazione. E che presto potrebbe diventare anche il nome di una strada di Scisciano, città dalla quale partì un uomo ricco di speranze verso il Nuovo Mondo e che non sapeva che il suo cognome, per quanto distorto, sarebbe diventato un secolo dopo quello di una leggenda.

35 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views