38.476 CONDIVISIONI
Opinioni
Coronavirus
25 Luglio 2021
12:09

Un tempo a Napoli si protestava per avere il vaccino, non per rifiutarlo

Nel 1973 a Napoli con l’epidemia di colera la gente scendeva in piazza per chiedere più dosi di vaccino contro il vibrione. Oggi invece si protesta contro il vaccino e contro il documento che attesta l’avvenuta somministrazione. Ironia della sorte le mobilitazioni no-vax e no-greenpass si sono tenute sotto la statua di Dante Alighieri, uno che ha scritto “Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”.
A cura di Ciro Pellegrino
38.476 CONDIVISIONI
Proteste per il vaccino del colera a Napoli nel 1973/ Foto Archivio Carbone
Proteste per il vaccino del colera a Napoli nel 1973/ Foto Archivio Carbone
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Correva l'anno 1973 e a Napoli il colera più che vittime (furono 24, in tutto) sollevava una paura ancestrale: quella di finire intrappolati in un problema che non ha soluzioni immediate. Questa foto in bianco e nero – oggi custodita dall'archivio Carbone – fu stata scattata in piazza Municipio (il palazzo della banca all'angolo con via Verdi è rimasto pressoché identico). Ritrae cittadini napoletani, mentre manifestano sotto la sede del Comune di Napoli la necessità di un vaccino per tutti contro il colera. Già, perché all'epoca il problema era proprio quello: la scarsità di fiale. «Diecimila fiale in tutta la città», titola uno dei giornali dell'epoca.

Arriviamo ad oggi. Anno 2021, sono passati 48 anni, quasi mezzo secolo. L'epidemia di colera è storia lontana, da archivio fotografico o da giornali in Emeroteca Tucci.

Oggi abbiamo una pandemia da Nuovo Coronavirus. La pandemia di Covid-19 è ben più grave (perché rapida, su scala globale, non circoscritta) dell'epidemia di colera. Nel giro di un anno sono stati realizzati non uno, ma almeno quattro vaccini validi.

Eppure qualcuno si sente in diritto di manifestare contro il vaccino (abbiamo avuto la protesta no-vax qualche settimana fa) e contro il documento che attesta l'avvenuta vaccinazione, il cosiddetto green pass. 

Ironia delle sorte entrambe le manifestazioni a Napoli si sono tenute sotto la statua di Dante Alighieri, uno che ha scritto «Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza».

Ci vorrebbe una macchina del tempo capace di tornare indietro al '73 a raccontare a quelle mamme in piazza Municipio coi cartelli che mezzo secolo dopo ci sarebbe stato chi invece sarebbe sceso in piazza sì, ma per rifiutare il vaccino. Chissà cosa avrebbero pensato di noi.

38.476 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
27018 contenuti su questa storia
Bidella senza green pass va scuola e arrivano i carabinieri: "Non ho soldi per tampone ogni 2 giorni"
Bidella senza green pass va scuola e arrivano i carabinieri: "Non ho soldi per tampone ogni 2 giorni"
Green pass obbligatorio, parte la raccolta firma per un referendum abrogativo
Green pass obbligatorio, parte la raccolta firma per un referendum abrogativo
Di Battista contro il green pass: “È ipocrita, costituzionalmente è meglio l'obbligo vaccinale”
Di Battista contro il green pass: “È ipocrita, costituzionalmente è meglio l'obbligo vaccinale”
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni