450 CONDIVISIONI
Opinioni
16 Settembre 2021
14:14

Anziché piangere Tullio Pironti la politica prenda un impegno: salvare piazza Dante e Port’Alba dal degrado

Onorare un personaggio che ha dato lustro alla sua città come Tullio Pironti non significa necessariamente intitolargli un giardinetto o un vicoletto. Ma anche e soprattutto portare avanti le sue idee. Pironti ha vissuto la sua vita in piazza Dante. E non possiamo rassegnarci a sapere che quella zona, insieme a Port’Alba viva un degrado e ospiti piccole librerie sempre più in affanno economico a causa degli alti fitti e delle scarse tutele.
A cura di Ciro Pellegrino
450 CONDIVISIONI

Muore un personaggio famoso nel mondo della cultura napoletana e non c'è il tempo di realizzare che arrivano commossi aneddoti e sofferte espressioni di cordoglio. Aggiungiamo a tutto ciò che siamo anche in piena campagna elettorale e il gioco è fatto. Per onorare degnamente la memoria di Tullio Pironti, editore e libraio, scomparso a 84 anni, il mondo della politica partenopeo dovrebbe prendere un solo impegno, serio (che parolona…): impedire ad ogni costo che Port'Alba e piazza Dante diventino delle sprizzerie o delle friggitorie a cielo aperto, come gran parte di quell'area al centro di Napoli.

Pironti ha vissuto l'intera sua vita in piazza Dante e la sua libreria, così come gli uffici della sua piccola e gloriosa casa editrice sono ancora affacciati su una delle piazze più centrali e purtroppo più a rischio speculazione della città. I locali commerciali della zona fanno gola ai baretti, alle friggitorie di pizzette e cuoppi di pesce, ai venditori seriali di cocktail annacquati, di ciotole poke, di pizzette a portafogli, di sfogliatelle. Insomma, qualsiasi cosa sia cibo trova mercato e lo sottrae alle pur poche librerie di Napoli che ormai si mantengono in equilibrio con enorme difficoltà, se sono indipendenti e non legate ai grandi marchi della distribuzione e dell'editoria nazionale.

Onorare un personaggio che ha dato lustro alla sua città non significa necessariamente intitolargli la piazzetta, il giardinetto, il vicoletto. Ma anche e soprattutto portare avanti una idea. Pironti era piazza Dante. E piazza Dante non può rassegnarsi, così come non lo può fare Port'Alba che cade letteralmente a pezzi, al degrado che ormai ha avvolto gran parte del centro città.

450 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
La statua della Spigolatrice di Sapri, monumento ad un mondo impassibile al cambiamento
La statua della Spigolatrice di Sapri, monumento ad un mondo impassibile al cambiamento
Pierfrancesco Favino in un guantificio della Sanità per "Nostalgia", nuovo film di Martone
Pierfrancesco Favino in un guantificio della Sanità per "Nostalgia", nuovo film di Martone
Corsi di lingua napoletana: 15 incontri tra storia e slang moderni all'Institut Français di Napoli
Corsi di lingua napoletana: 15 incontri tra storia e slang moderni all'Institut Français di Napoli
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni