Due automobili che correvano all'impazzata, una che inseguiva l'altra, e una pioggia di proiettili. Scene da poliziesco anni '70, che però sono accadute ieri sera, 28 aprile, a Pianura, quartiere della periferia ovest di Napoli, dove da mesi è in corso una guerra tra clan per il controllo delle piazze di spaccio, in seguito alla disarticolazione dei clan storici. L'episodio lungo via Parroco Giustino Russolillo, in un tratto di strada dove si trovano parecchi edifici residenziali.

Sul posto, poco prima di mezzanotte, sono intervenuti gli agenti del commissariato locale, su segnalazione di alcuni residenti che avevano assistito alla sparatoria. Un testimone ha raccontato ai poliziotti di avere assistito all'inseguimento tra le due automobili tra via Russolillo e via Pallucci e di avere visto che le persone a bordo di entrambe le vetture, armate, sparavano numerosi colpi di pistola puntando all'altro veicolo. Intervenuta anche la Polizia Scientifica, che ha repertato 11 bossoli calibro 9 lungo la strada.

Non risultano feriti. Alcuni dei proiettili esplosi hanno raggiunto un'automobile parcheggiata nelle vicinanze. All'arrivo degli agenti le due automobili si erano già volatilizzate, probabilmente dopo aver imboccato qualche stradina laterale. A poche centinaia di metri dal luogo della sparatoria c'è via Evangelista Torricelli, dove si trovano i complessi di edilizia popolare che per anni sono stati la roccaforte del clan Marfella-Pesce. Le indagini sono affidate al commissariato locale della Polizia di Stato; sono in corso accertamenti, compresa l'acquisizione dei nastri di alcune videocamere di sorveglianza installate lungo il percorso delle due automobili.