Oltre quaranta colpi di pistola sono stati esplosi nella notte in via Gradini San Nicandro, ai confini del rione Sanità, nel quartiere Stella, al centro di Napoli. Sul posto i carabinieri della Compagnia Stella. Si sarebbe trattato di una stesa, l'intimidazione è diretta probabilmente a un pregiudicato che abita nelle vicinanze; a pochi passi dal luogo degli spari risiede un giovane pregiudicato per spaccio, i militari stanno accertando se fosse lui l'obiettivo del raid.

L'allarme è scattato intorno alle 00:30, quando alcuni residenti hanno chiamato i carabinieri per segnalare l'esplosione dei colpi d'arma da fuoco: a sparare sarebbero stati dei ragazzi sugli scooter, che avrebbero percorso la strada velocemente armi in pugno e mirando in alto, senza un obiettivo preciso, e si sarebbero dileguati subito dopo. Durante i rilievi i militari hanno rinvenuto 40 bossoli a salve, due bossoli e due ogive deformate di calibro non ancora identificato.

Sono state acquisite le immagini della videosorveglianza delle strade circostanti, che potrebbero avere ripreso gli autori del raid o fornire elementi sul percorso da loro effettuato per raggiungere via Gradini San Nicandro o nella successiva fuga. Non risultano feriti, anche i due proiettili veri sono stati sparati verso gli edifici e non hanno causato danni. I militari hanno ascoltato alcuni pregiudicati che vivono nei paraggi per cercare di individuare l'obiettivo del raid, evidentemente a scopo intimidatorio; tra le ipotesi, quella secondo cui sarebbe stato diretto a un 24enne del posto, pregiudicato per droga e ritenuto vicino al clan Savarese, che abita poco distante dal luogo degli spari.