Curioso incidente, fortunatamente senza gravi conseguenze per la malcapitata, a Montecorice, cittadina del Cilento, nella provincia di Salerno, dove un uomo di 70 anni ha accidentalmente sparato alla moglie, credendo si trattasse di un cinghiale. Per la precisione, l'incidente si è verificato a Giungatelle, piccola frazione del Comune di Montecorice, dove il 70enne ha visto qualcosa muoversi nella fitta vegetazione dei campi di sua proprietà: credendo si trattasse di uno dei numerosi cinghiali che spesso devastano il raccolto, il 70enne non ha esitato ad imbracciare il fucile e a fare fuoco.

Peccato che dall'altra parte non ci fosse un animale, bensì sua moglie: la donna, 64 anni, è stata soccorsa da un'ambulanza della Misericordia di Ascea e trasportata al Pronto Soccorso dell'ospedale San Luca di Vallo della Lucania, dove i sanitari hanno riscontrato una ferita da arma da fuoco alla spalla, giudicata per fortuna non grave. Sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione di Perdifumo, coordinati dai militari della compagnia di Agropoli, che hanno ascoltato il racconto del 70enne ed effettuato tutti i rilievi del caso per ricostruire l'esatta dinamica di quanto accaduto.

A Sala Consilina, ancora nel Salernitano, nel 2017 un uomo di 34 anni, Pietro Pica, rimase ucciso durante una battuta di caccia sul monte Sito Alto. A sparare al 34enne il fratello, un giovane di 25 anni: anche in quella occasione, l'uomo ha sparato credendo si trattasse di un cinghiale, colpendo però al petto il fratello e uccidendolo. Una tragica fatalità che però costò la vita a un uomo di soli 34 anni.